Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'ACCORDO

Reddito di cittadinanza, la novità dei lavori di pubblica utilità: ma ci sono limiti

La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha firmato il decreto ministeriale, concertato con i Comuni, che definisce l'attivazione dei lavori di pubblica utilità che i beneficiari di Reddito di cittadinanza dovranno effettuare presso il Comune di residenza. Lo fa sapere la stessa ministra.

"È un atto importante nel percorso di costruzione di un moderno sistema di welfare state - afferma in una nota - che rinsalda il patto tra Stato e cittadino". Con questo atto i Comuni interessati - sottolinea - "avranno la possibilità di avviare la progettazione e definire le attività che i beneficiari del Reddito andranno a svolgere. Il Comune è il titolare dei Progetti Utili alla Comunità e può avvalersi della collaborazione di enti del Terzo settore o di altri enti pubblici. I PUC possono essere svolti in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, contribuendo alla costruzione di una comunità migliore".

Il decreto - spiega la nota "delinea i confini delle attività che possono essere realizzate: i percettori di Reddito, infatti, non possono svolgere attività in sostituzione di personale dipendente dall'ente pubblico proponente o dall'ente gestore nel caso di esternalizzazione di servizi o dal soggetto del privato sociale; non possono altresì ricoprire ruoli o posizioni nell'organizzazione del soggetto proponente il progetto e non possono sostituire lavoratori assenti a causa di malattia, congedi parentali, ferie ed altri istituti, né possono essere utilizzati per sopperire a temporanee esigenze di organico in determinati periodi di particolare intensità di lavoro".

Sono 982 mila le domande di Reddito e pensione di cittadinanza accolte fino all'8 ottobre, 126 mila sono in lavorazione e 415 mila respinte o cancellate. Lo comunica l'Inps nel relativo osservatorio. In totale 1,5 milioni di nuclei hanno presentato una domanda, per 2,28 milioni di persone coinvolte (di cui 1,47 milioni tra Sud e Isole), con un importo medio mensile pari a 482,36 euro.

E' quanto si evince dalle tabelle che accompagnano i dati dell'Inps aggiornati all'8 ottobre. Importo che varia in funzione delle componenti del beneficio: il più alto, 613 euro mensili, risulta quello percepito dai nuclei beneficiari del Reddito con a carico un mutuo; quello più basso, 212 euro, da chi ha una Pensione di cittadinanza (per gli over 67) con a carico un affitto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X