Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
APPELLO ALLA REGIONE

Istituto Vino e Olio in crisi, l'allarme di Confindustria: "Aziende a rischio"

di
confindustria trapani, istituto vino e olio, Sicilia, Economia
Gregory Bongiorno, presidente di Sicindustria Trapani

Si aggrava la crisi dell’Istituto Vino e Olio regionale. I dipendenti, senza stipendio da cinque mesi, hanno rallentato fino quasi a fermarle le certificazioni delle aziende. E questo sta danneggiando il settore enologico. Una crisi violenta al punto che adesso è Confindustria a chiedere al governo di risolverla.

È stato il presidente degli industriali di Trapani, Gregory Bongiorno, a scrivere una lettera all’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera: “Facciamo appello al governo al fine di trovare urgentemente una soluzione tecnico/finanziaria che garantisca l’immediato pagamento degli stipendi ai lavoratori dell’Istituto che da ben 5 mesi continuano, nonostante tutto, ad assicurare la certificazione dei vini doc della Sicilia, di Malta e Gozo. Un’interruzione di questo fondamentale servizio di certificazione rischia di bloccare le aziende dei due settori interessati con gravissime ripercussioni, sia per l’economia della Sicilia che per l’occupazione".

L’emergenza all’Istituto Vino e Olio nasce dal maxi pignoramento di 5 milioni che Veronafiere ha messo in atto in autunno per via del mancato pagamento dello stand del Vinitaly degli anni scorsi. L’Istituto ha tentato una transazione che ancora non si è realizzata e nel frattempo ha tutti i conti bloccati.

Confindustria legge in questa situazione più di un allarme: “Esprimiamo la nostra grande preoccupazione per i risvolti negativi che questa situazione potrà avere sulle aziende del settore vitivinicolo e oleario e per le ripercussioni che si manifesteranno di conseguenza sull’intera economia siciliana”, ha scritto Bongiorno.

Bongiorno ha anche ricordato i tagli che la Regione ha imposto all’Istituto negli ultimi anni: “Nel triennio 2012-2014 non sono state garantite dalla Regione le risorse sufficienti da destinare agli stipendi ed alle spese di funzionamento generali per circa 7,4 milioni”. Da qui l’appello a risolvere l’emergenza.

Nei giorni scorsi l’assessore Bandiera aveva garantito che l’approvazione della Finanziaria permetterà di sbloccare almeno i primi tre milioni di finanziamenti. A quel punto l’Istituto potrà pagare almeno gli arretrati ai propri dipendenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X