Martedì, 02 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bitcoin, in un mese dimezzato il valore: pesa il timore di nuove regole
CRIPTOVALUTA

Bitcoin, in un mese dimezzato il valore: pesa il timore di nuove regole

ROMA. Il Bitcoin dimezza in poco più di un mese il suo valore: dal picco di metà dicembre, quando è volato a un passo dai 20.000 dollari, la criptovaluta è scesa a meno di 9.000 dollari. E solo nel mese di gennaio, il suo peggiore da anni, ha bruciato 44 miliardi di valore di mercato perdendo il 30%.

La capitalizzazione di mercato totale del Bitcoin è così crollata a 168 miliardi di dollari dai 320 del picco. A pesare sul Bitcoin, ma anche sulle sue sorelle Ethereum e Ripple, è il timore di nuove regole. Alla stretta della Corea del Sud si aggiunge infatti l'avvertimento dell'India, uno dei maggiori al mondo per le criptomonete. ''Assumeremo tutte le misure necessari per eliminare l'uso dei cripto asset nel finanziare attività illegali", ha tuonato il ministro delle finanze, Arun Jaitley.

Al timore di una maggiore regolamentazione si aggiunge la realtà di Facebook, che ha vietato le pubblicità di criptovalule e initial coin offering, in quella che e' una prima forte iniziativa concreta. Da sempre volatile, il Bitcoin risente anche delle indiscrezioni sulla possibile manipolazione su una delle sue maggiori piazze di scambio, Bitfinex. La piattaforma è al momento sotto osservazione da parte delle autorità americane.

Il mix di 'cattive' notizie ha innescato il crollo della criptomoneta che, continuando il trend negativo in corso da diverse sedute, e' scesa del 13% a a 8.830 dollari. Un calo che alimenta il coro degli scettici, convinti che in caso di nuove regole la criptomoneta non sopravvivrà. Allo stesso tempo, però, cresce l'esercito dei seguaci del Bitcoin, con i Millennial che lavorano in finanza che scaricano le tradizionali banche per la criptovaluta.

Questa mattina il Bitcoin va ancora giù e scivola fin sotto la soglia 8.500 dollari. La moneta virtuale è scesa dell'8% a 8.378 dollari toccando il livello più basso dal 24 novembre secondo i dati di Bloomberg. L'ondata di ribassi colpisce anche le monete rivali Ripple, Ether e Litecoin che hanno perso circa l'11%.

Oggi le autorità giapponesi hanno fatto irruzione negli uffici di Coincheck, una settimana dopo la frode, sequestrando documenti e computer. L'ispezione, ha detto il ministro delle finanze Taro Aso, è stata condotta per garantire la sicurezza degli utenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X