Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia L'Italia penultima come numero di laureati, male anche la spesa per l'Istruzione
LO STUDIO

L'Italia penultima come numero di laureati, male anche la spesa per l'Istruzione

ROMA. L'Italia registra appena il 18% di laureati, contro il 37% della media nella zona Ocse: il dato più basso dopo quello del Messico. Lo rivela il rapporto 'Uno sguardo sull'istruzione 2017' della stessa Ocse. Male anche il dato sul conseguimento di una prima laurea, al 35%: il quarto più basso dopo Ungheria, Lussemburgo e Messico. Secondo il documento queste cifre potrebbero essere in parte dovute a "prospettive insufficienti di lavoro e a bassi ritorni finanziari in seguito al conseguimento di un titolo di studio terziario".

Nel 2016 solamente il 64% dei laureati compresi tra i 25 e i 34 anni aveva un lavoro, mentre il dato arrivava all' 80% tra gli adulti 25-64enni. Da quanto si legge nel rapporto, in Italia le prospettive di lavoro per i laureati sono inferiori rispetto a quelli dei diplomati.

Italia maglia nera nell'area Ocse anche per la spesa pubblica complessiva nell'istruzione nel 2014. È quanto afferma l'organizzazione nel suo ultimo studio, sottolineando che Roma ha riservato il 7,1% della spesa delle amministrazioni pubbliche al ciclo compreso tra la scuola primaria e l'università. Un calo del 9% rispetto al 2010, secondo il rapporto "indice di un cambiamento nelle priorità delle autorità pubbliche piuttosto che di una contrazione generale di tutte le spese governative".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X