Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Per Natale si sceglie il web, un regalo su tre acquistato online
IL SONDAGGIO

Per Natale si sceglie il web, un regalo su tre acquistato online

ROMA. Continua a crescere l'ecommerce e ormai viene acquistato sul web quasi un regalo di Natale su tre (il 29%), mentre calano i centri commerciali, pur restando al primo posto nelle scelte delle famiglie.

Secondo il sondaggio natalizio di Confesercenti e Swg gli acquisti di Natale saranno ripartiti abbastanza equamente tra i principali canali di vendita: i centri commerciali raccolgono il 37% delle preferenze, in calo rispetto al 39% del 2015.

Seguono, al secondo posto, negozi e mercatini della distribuzione tradizionale, che raccolgono il 31% delle indicazioni, l'1% in meno dello scorso anno.

In terza posizione, ma in crescita del 2% sul 2015, l'ecommerce: quest'anno a scegliere di fare doni sul web sarà il 29%.

«La stagione natalizia 2016 - spiega il presidente di Confesercenti, Massimo Vivoli - è un banco di prova importante per i consumi, e, in particolar modo, per i negozi tradizionali: sono infatti proprio le attività di quartiere che hanno pagato in questi anni il conto più salato della crisi. Sarebbe bello se, anche per questo, gli italiani scegliessero i negozi tradizionali per i loro regali di Natale».

«Il 2016 è stato un anno difficile, ma rallentamento economico ed instabilità politica non bastano ad abbattere il Natale», secondo il sondaggio di Confesercenti e Swg in occasione delle festività natalizie.

La spesa media prevista per i regali sarà di 600 euro a famiglia, un risultato sostanzialmente in linea  rispetto a quello dello scorso anno (609 euro). Aumentano, però, i nuclei familiari in difficoltà: quest'anno quattro su 10 stimano di spendere meno di 250 euro.

E, specularmente, sale la quota di persone che spenderanno più di 800 euro (dal 13% dello scorso anno al 17%, oltre uno su sei). In media, ogni italiano comprerà sette doni, ma c'è un 16% che stima di arrivare fino a 20. Anche perchè, quando arriva il Natale, gli italiani non rinunciano al valore simbolico del regalo: il 58% ha l'abitudine di donare ai propri cari, senza escludere nessuno, almeno una strenna natalizia simbolica.

Ma c'è anche un altro 31% del campione che dichiara, invece, di concentrarsi principalmente sui bambini ed un altro 11% che ammette di comprare un presente solo ai più piccoli.

Questo Natale quasi un italiano su due (il 47%) segnala di vivere con meno certezze rispetto al 2015 e una quota simile (il 42%) ritiene che l'Italia peggiorata dal punto di vista economico e sociale, mentre solo il 17% intravede un miglioramento.

Il sondaggio natalizio di Confesercenti e Swg mostra un sentiment negativo forte soprattutto nell'età di mezzo: nelle persone tra i 34 ed i 54 anni, infatti, la quota di chi segnala un deterioramento del Paese arriva a toccare il 53%, più di uno su due. Le difficoltà emergono ancora più nettamente se si limita l'analisi ai comportamenti di spesa: il 72% degli intervistati ammette di aver ridotto le spese anche quest'anno, contro un 5% che le ha invece aumentate.

In ogni caso l'esito del referendum pesa poco sull'atmosfera natalizia - solo il 13% ritiene che possa incidere negativamente - ma altrettanto non si può dire del quadro politico emerso dopo il voto, che rende più incerto il 45% degli intervistati.

A preoccupare di più, però, sono ancora altre questioni: in primis l'aumento dei flussi di migranti e rifugiati ed il rallentamento dell'economia, rispettivamente segnalati dal 47 e dal 46% degli intervistati come gli eventi che hanno maggiormente contribuito a creare incertezza sociale ed economica. Ma incidono anche Brexit ed emergenza terrorismo (entrambi indicati dal 20%), così come i terremoti dell'Italia centrale (17%).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X