Giovedì, 29 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Nuovo sciopero del commercio, sit in anche a Palermo
RINNOVO DEL CONTRATTO

Nuovo sciopero del commercio, sit in anche a Palermo

Da più di due anni le società trattano coi sindacati per il rinnovo del contratto collettivo senza arrivare a un accordo.
sciopero commercio, Sicilia, Economia

PALERMO. Nuovo sciopero nazionale del commercio. A protestare sono i dipendenti delle aziende iscritte a Federdistribuzione tra le quali Auchan, Lidl, Carrefour, Zara, Leroy Merlin, Zara, Rinascente, Oviesse, Bricocenter, Ikea, Sma. Da più di due anni queste società trattano coi sindacati per il rinnovo del contratto collettivo senza arrivare a un accordo.

Così oggi succede che rispetto ai dipendenti delle altre aziende del commercio non associate a Federdistribuzione, ossia alla stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori dello stesso settore, questi lavoratori percepiscono importi inferiori.

A Palermo i sindacati manifesteranno dalle 9 in via Libertà davanti a Oviesse, luogo simbolo tra le aziende aderenti a Federdistribuzione. “In questi giorni – spiega Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia - molti direttori e capi del personale stanno diffondendo notizie false nel tentativo di dissuadere i partecipanti allo sciopero e quindi per boicottare lo sciopero. A loro rivolgiamo l'invito ad avere il coraggio della verità nel rispetto dei lavoratori loro dipendenti. La stima si conquista con il rispetto: provare a raccontare falsità ai lavoratori non fa altro che allontanarli e deluderli”.

Il tavolo delle trattative è saltato in seguito ad alcune proposte ritenute dai sindacati irricevibili ma che sono state poste come condizioni non negoziabili. Ad esempio una prevede la definizione di aumenti salariali che determinerebbero al 31 dicembre 2018 una massa salariale di 1.831 euro al quarto livello a fronte dei 3.000 euro previsti alla stessa data e al medesimo livello di inquadramento dal contratto applicato dalle altre aziende. In pratica ci sarebbero lavoratori che svolgono le stesse mansioni pagati 1.200 euro in meno. Tra le altre condizioni poste c’è l'imposizione di norme destinate a consentire alle aziende di derogare a tutti gli istituti del futuro contratto, anche in assenza di accordo tra le parti a livello aziendale, compresi quattordicesima, permessi, orari di lavoro”.

Secondo la Uiltucs “Federdistribuzione ha deciso di erogare a trattativa cessata e a oltre un anno dalla sigla del contratto collettivo del terziario la somma di 15 euro. Un atto di arroganza paternalistica verso i lavoratori considerando che da oltre un anno i dipendenti ai quali si applica il contratto già firmato hanno già ricevuto circa 400 euro in più in busta paga e possono contare su un aumento salariale di 30 euro che diventeranno 45 a giugno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X