Lunedì, 10 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Eurispes: l'evasione un fenomeno di massa. Le baby sitter al top per il lavoro nero
IL RAPPORTO

Eurispes: l'evasione un fenomeno di massa. Le baby sitter al top per il lavoro nero

A scriverlo è l'Eurispes nel rapporto 2016. L'istituto di ricerca parla di sommerso ed evasione fiscale come veri e propri fenomeni di massa, in cui trova terreno fertile il lavoro nero

ROMA. «Siamo tutti evasori? Probabilmente sì». A scriverlo è l'Eurispes nel rapporto 2016. L'istituto di ricerca parla di sommerso ed evasione fiscale come veri e propri fenomeni di massa, in cui trova terreno fertile il lavoro nero. Secondo gli italiani, rileva il rapporto, le categorie che più spesso lavorano senza contratto sono le baby sitter (indicate nell'80% dei casi), gli insegnanti di ripetizione (78,7%) e i collaboratori domestici (72,5%).

Seguono badanti, giardinieri, muratori, idraulici, elettricisti, falegnami e, con una percentuale del 50%, i medici specialisti. Nel corso del 2015, prosegue l'Eurispes, ha accettato un lavoro senza contratto il 28,1% degli intervistati, contro il 18,6% dell'anno precedente.

È la disinformazione la causa principale del calo delle vaccinazioni in Italia. Lo rileva
l'Eurispes nel suo rapporto presentato oggi, secondo cui a diffondere le false percezioni è soprattutto il web. In Italia, dell'80% dei genitori che navigano sulla Rete, il 70% usa le informazioni per prendere decisioni circa la propria salute, si legge nel rapporto. Il 16% sfrutta Internet per acquisire indicazioni sulle vaccinazioni.

«La validità delle notizie non è sempre attendibile e autorevole - sottolineano gli esperti dell'Eurispes -. Caso emblematico, la presunta correlazione tra il vaccino MPR (morbillo, parotite, rosolia) e l'aumento dei casi d'autismo. In secondo luogo, alla base della contrazione, vi è la percezione stessa dei vaccini, ritenuti inutili, in quanto non si avverte più la gravità di malattie, come morbillo o pertosse, ritenute ormai sconfitte».

In Italia, fa notare il rapporto, diminuisce di un punto percentuale all'anno il tasso di adesione alle vaccinazioni. In alcune regioni il decremento è più evidente: nella Prov. Autonoma di Bolzano la copertura vaccinale obbligatoria cala di circa il 6% rispetto alla media nazionale ( 94%), seguita dalla Valle D'Aosta (-4%). Entrambe le regioni registrano il record negativo anche sul fronte delle vaccinazioni consigliate. Anche alcune regioni del Sud Italia, Campania, Calabria e Sicilia, insieme alle Marche, mostrano una generalizzata disaffezione nei confronti dell'intero programma vaccinale.

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X