Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Boom di dipendenti pensionati alla Regione. Ma è caos: ritardi e gli uffici restano vuoti
I NODI DELLA SICILIA

Boom di dipendenti pensionati alla Regione. Ma è caos: ritardi e gli uffici restano vuoti

di
Un caso all’Ambiente: nove dirigenti rinunciano al nuovo incarico

PALERMO. Tre mesi di attesa per ricevere la prima pensione. Molti dei regionali che hanno lasciato gli uffici della Regione a ottobre non hanno ancora ricevuto l’assegno di quiescenza e chi è andato via dopo rischia di aspettare anche di più.

La gestione dell’esodo si sta rivelando più complessa del previsto, piovono centinaia di pratiche: è il grande ingorgo creatosi al Fondo pensioni. Mentre in altri assessorati lo svuotamento degli uffici sta paralizzando reparti chiave: all’Ambiente la maggior parte dei dirigenti chiamati a coprire gli incarichi rimasti vacanti ha rinunciato dopo pochi giorni.

Sono i primi scivoloni lungo il percorso della riorganizzazione della macchina regionale, che si muove su due binari: l’esodo da qui al 2020 di 4.482 regionali e il taglio del 30% dei vecchi uffici.

 

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X