Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Esattorie in Sicilia, s'incassa solo l’8 per cento. Le cartelle inviate anche ai defunti
RISCOSSIONE SICILIA

Esattorie in Sicilia, s'incassa solo l’8 per cento. Le cartelle inviate anche ai defunti

di
Per Riscossione Sicilia flop da 5,2 miliardi. Record negativo dei pagamenti, che non superano i 500 milioni di euro. Evasione altissima fra le imprese
cartelle esattoriali, Riscossione sicilia, tasse in sicilia, Antonio Fiumefreddo, Rosario Crocetta, Sicilia, Economia
Crocetta con il presidente di Riscossione Sicilia Antonio Fiumefreddo

PALERMO. Anche i morti dovrebbero pagare le tasse, almeno secondo i Comuni e Riscossione Sicilia. Negli elenchi a cui ogni anno vengono inviate cartelle esattoriali ci sono circa 350 mila persone decedute.

Anche se sono per lo più gli imprenditori con redditi superiori a 500 mila euro all’anno a non pagare o pagare con errori. Sono i casi più evidenti che contribuiscono a fare della Sicilia il fanalino di coda nella riscossione dei tributi: sui 5,7 miliardi che Riscossione, la partecipata guidata da Antonio Fiumefreddo, mette in conto a inizio anno solo 500 milioni entrano realmente nelle casse.

È l’8% del dovuto, in Lombardia si arriva al 20%. Va precisato che il 92% di non riscosso non fotografa esattamente la percentuale di evasione. E qui Fiumefreddo mette sul tappeto due dati su tutti: «Negli elenchi di persone a cui i Comuni ci chiedono di inviare cartelle per i tributi locali ci sono ancora 350 mila persone defunte. Più volte abbiamo segnalato il caso alle amministrazioni, chiedendo di aggiornare gli elenchi. Ma non viene fatto quasi mai, credo perché ciò permette di prevedere a inizio anno le relative tasse rendendo più facile chiudere il bilancio di previsione».

E fra le categorie che figurano fra i debitori di Riscossione ce n’è un’altra che Fiumefreddo segnala alla voce «missione impossibile»: «Quando un soggetto viene condannato a una pena che prevede anche una sanzione pecuniaria, tocca a noi incassare. È il caso degli scafisti, ce ne sono alcuni che risultano debitori per cifre enormi, a volte per milioni. Ma sono somme che realisticamente non entreranno mai».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X