Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TURISMO

Albergo o ristorante, 4 vecchi fari siciliani in affitto

PALERMO. Riportare a nuova vita i beni pubblici, attraverso il loro recupero per un unico obiettivo: rilanciare l'economia locale e creare sviluppo economico. E' il progetto Valore Paese - Fari, messo a punto dall'agenzia del Demanio, che ha pubblicato alcuni bandi per la concessione da 6 a 50 anni di 11 fari di proprietà dello Stato (di cui sette gestiti dall'Agenzia del demanio e 4 del ministero della Difesa).

Il progetto, che è stato presentato a Palermo nel corso di un'iniziativa a Palazzo Cefalà, in Sicilia coinvolge quattro strutture: il faro di Brucoli ad Augusta (Sr), quello di Murro di Porco a Siracusa, quello di Capo Grosso nell'Isola di Levanzo (Tp) e il Faro di Punta Cavazzi ad Ustica (Pa).

I bandi sono stati pubblicati lo scorso 12 ottobre e sono disponibili on line sul sito dell'Agenzia del Demanio e in quello del ministero della Difesa fino al 12 gennaio 2016. "Quello di oggi rappresenta un cambio culturale rispetto al passato - ha detto il sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano partecipando all'incontro -. I fari sono sempre stati visti come dei gioielli bellissimi ma inaccessibili, destinati solo a funzioni di carattere istituzionali. Abbiamo deciso di mettere a disposizione questi beni per produrre ricchezza e opportunita' . I bandi saranno aperti a tutti non abbiamo stabilito regole stringenti, valuteremo tutte le richieste e sceglieremo le offerte migliori".

Il direttore dell'agenzia del Demanio Roberto Reggi ha poi aggiunto: "Puntiamo al recupero di beni che si stanno perdendo; i fari in passato venivano gestiti dai guardiani, oggi queste figure non ci sono più e la loro gestione e' automatizzata. Servono interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria".

"Abbiamo chiesto aiuto ai privati per far fronte a questo lavoro - ha proseguito - e allo stesso tempo contribuiamo a rilanciare il turismo e il lavoro nei territori". I fari potranno essere recuperati e riutilizzati con diverse finalità nel rispetto degli ecosistemi e dell'ambiente nei quali sono inseriti. I lavori saranno finanziati dai soggetti privati. Si tratta di beni di grande pregio in posti meravigliosi -ha concluso - e potranno essere restaurati e generare reddito".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X