Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LE NOVITA'

Canone Rai, arriva la stangata per chi non paga: prevista una multa da cinquecento euro

ROMA. Non solo taglio alle tasse sulla casa e misure a sostegno per le imprese ma tanti piccoli interventi, dalla multa di 500 euro per chi evade il canone Rai al calo dell'Iva al 10% sul pellet. Sono tante le sorprese che si nascondono nei 74 articoli della bozza di 104 pagine della Legge di Stabilità per il 2016.

EVADI IL CANONE RAI? MULTA SALE 500 EURO. Le bozze prevedono una sanzione per chi non paga l'abbonamento alla tv pubblica. Si pagherebbe cinque volte il costo del canone. E già iniziano i distinguo di chi spiega che nel testo finale potrebbe esserci una modifica. Nel 2016 il canone sarà di 100 euro ed arriverà a rate insieme alla bolletta elettrica. Prende piede l'ipotesi di rate bimestrali in quanto le società elettriche dovranno comunicare i dati dei morosi ogni due mesi o saranno a loro volta multati di 300 euro per evasore.

I premi di produttività entro i 2.000 euro «sono soggetti a una imposta sostitutiva dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali pari al 10%» ma solo per i redditi da lavoro dipendente non superiori a 50.000 euro. Il limite sale a 2.500 euro per le aziende «alla tedesca» che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell'organizzazione del lavoro.  Spunta una «clausola di salvaguardia relativa alla voluntary disclosure». Si tratta dell'operazione per il rientro di capitali dall'estero. Il governo stima che di incassare 2 mld nel 2016 ma se non si dovesse raggiungere la cifra si metterà mano all'aumento delle accise« su energia, alcol e tabacchi a decorrere dal 1 maggio 2016. Chi paga entro 60 giorni la multa sugli scontrini fiscali e le ricevute fiscali irregolari avrà uno scontro: si potrà pagare un importo pari a un sesto del minimo previsto dalla legge.

RENZI TAGLIA IL PERSONALE A P.CHIGI - Arriva un taglio dEL 10% alle dotazioni organiche del personale dirigenziale e non dirigenziale della presidenza del Consiglio. Le Regioni dovranno dare nel 2016 »un contributo alla finanza pubblica« da 1,8 miliardi, che sale a quasi 4 miliardi nel 2017 per attestarsi a 5,48 miliardi per il 2018 e 2019. Questi tagli assorbono però i tagli previsti a copertura del decreto Irpef (750 MLN fino al 2018).  L'operazione straordinaria di prevenzione e contrasto alla criminalità e al terrorismo con l'impiego delle forze dell'ordine prosegue. La Legge di Stabilità prevede uno stanziamento di 85 milioni per il 2016.  Per garantire la sicurezza in vista del Giubileo viene impiegato uno speciale contingente di 1.500 unità delle Forze armate. Mille unità sono previste in azione dal primo gennaio al 30 novembre 2016 e le altre 500 dal primo gennaio al 30 giugno 2016. La spesa relativa è di 22 mln. Il fondo per le spese per le elezioni politiche, amministrative, del Parlamento europeo e dell'attuazione del referendum è ridotto di 50 mln dal 2016.

SCONTO PER CHI ASSUME NEL 2016 - Confermato lo sgravio fiscale per gli imprenditori che intendono assumere un dipendente a tempo indeterminato il prossimo anno. Lo sconto però si riduce rispetto al 2015: il 40% fino a 3.250 euro fino al 2018. »Fate presto«, ha detto Renzi presentando la manovra. Arriva uno stanziamento per il Made in Italy che punta al potenziamento dell'Ice e all'internazionalizzazione delle imprese. Nel 2016 arriveranno 50 milioni di euro.  Finalmente anche giornali, tv, radio e agenzie pagheranno l'imposta agevolata così come gli e-book.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X