Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Piccoli abusi edilizi, boom in Sicilia: ogni anno sono 1.500 le sanatorie
TERRITORI E IMMOBILI

Piccoli abusi edilizi, boom in Sicilia:
ogni anno sono 1.500 le sanatorie

di
Verande, garage e mansarde regolarizzate grazie ai cavilli burocratici. Per ottenere il via libera basta pagare una sanzione. Dalle autorizzazioni la Regione incassa tre milioni e mezzo

PALERMO. La cosa importante è non superare mai i 20 metri quadrati. Stando attenti a questo dettaglio è sempre possibile trasformare - abusivamente, s’intende - una terrazza in una stanza abitabile. O realizzare una veranda in cui sistemare divani e tavoli. Senza considerare che uno scantinato può passare per un «locale tecnico» anche se dentro ci finiscono letti e armadi.

E poi è un continuo fiorire di finestre, soppalchi, piccole appendici: tutto rigorosamente abusivo e tutto normalmente sanato. È la Sicilia patria dell’abusivismo, che ogni anno regolarizza circa 1.500 strutture che andrebbero invece abbattute o modificate. L’ultima pioggia di decreti di autorizzazione paesaggistica in sanatoria è di questi giorni: 80 provvedimenti in poco più di una settimana emessi dall’assessorato ai Beni culturali, guidato da Antonio Purpura.

Dietro queste cifre si nasconde un fenomeno, una tendenza mai repressa: in Sicilia è facile cedere alla tentazione di andare oltre il consentito. E non è necessario attendere una maxi legge di sanatoria (come quelle del 1985, 1994 o 2005) che di solito mette in regola solo vecchi edifici. Sfruttando i cavilli del codice nazionale dei beni culturali e della legislazione autonoma regionale si può costruire e sanare in qualunque momento. Le norme - note agli addetti ai lavori - sono due: gli articoli 167 e 181 del codice dei beni culturali e una leggina regionale del 2004.

«Le prime - spiega Daniela Mazzarella, dirigente dell’assessorato - permettono di sanare piccoli abusi che non comportano aumento di volume degli immobili». La norma nazionale è nata per chiudere un occhio su verande, cambi di colore, tettoie. Il più delle volte salvava quei casi in cui ci si era un po’ discostati dal progetto preventivamente approvato: si parla di «piccole difformità».

DAL GIORNALE DI SICILIA DEL 3 SETTEMBRE 2015

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X