Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia In Italia non si allevano più conigli, rischio oblio per le antiche ricette
COLDIRETTI

In Italia non si allevano più conigli, rischio oblio per le antiche ricette

Secondo Coldiretti, i compensi riconosciuti agli allevatori non coprono i costi necessari per garantire la qualità del prodotto italiano

MILANO. In Italia non si allevano più conigli, o quasi. Negli ultimi 25 anni il numero di conigli allevati si è dimezzato. Lo ha denunciato a Expo Coldiretti, che per questo ha indetto la Giornata del Coniglio.

Secondo Coldiretti, i compensi riconosciuti agli allevatori non coprono i costi necessari per garantire la qualità del prodotto italiano con il risultato che i conigli in Italia sono passati da 12,3 milioni del 1990 ai 6,5 milioni nel 2015.

Malgrado il crollo l'Italia si conferma tuttavia primo produttore europeo e sfida la Cina nel primato mondiale, anche se ad insediare la posizione ci sono - sottolinea la Coldiretti - il Venezuela e la Bolivia.

L'allevamento del coniglio in Italia fa parte di una delle tradizioni più consolidate, con una forte presenza di allevamenti familiari.

A scomparire sono stati molti piccoli allevamenti destinati al consumo casalingo dove si trasmettevano antiche ricette conservate da generazioni, dal coniglio in salmì a quello «alla cacciatora» o «all'ischitana». Molti degli chef presenti a Expo le stanno recuperando.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X