Martedì, 02 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Boom di richieste per il 730 precompilato, 7 milioni già pronti
FISCO

Boom di richieste per il 730 precompilato, 7 milioni già pronti

Dall'inizio dell'anno mezzo milione di contribuenti hanno richiesto le credenziali di accesso ai servizi online dell'Agenzia delle Entrate, che aprono le porte al 730 precompilato: sale così a quota 2,5 milioni il numero di contribuenti abilitati a Fisconline

ROMA. Sono 7 milioni gli italiani «già pronti» per accedere online al nuovo 730 precompilato. Lo fa sapere l'Agenzia delle Entrate che nei primi 3 mesi dell'anno ha
registrato un «boom» di richieste delle credenziali, portando a 2,5 milioni i contribuenti in possesso del Pin, che si sommano ai 4,5 milioni dell'Inps.

I contribuenti con accesso a Fisconline, precisa l'Agenzia, sale a quota 2,5 milioni, mentre quelli già in possesso del Pin dispositivo dell'Inps sono 4,5 milioni. La dichiarazione precompilata sarà disponibile in rete sul sito delle Entrate dal 15 aprile, o anche dal sito dell'ente previdenziale. Il Pin, si ricorda, si può ottenere attraverso 4 opzioni: direttamente online dal sito dell'Agenzia delle Entrate, per telefono tramite il call center, in un qualsiasi ufficio dell'Amministrazione finanziaria o con la Carta nazionale dei Servizi.

Per ottenere l'abilitazione ai servizi telematici occorre connettersi all'homepage del sito www.agenziaentrate.it e richiedere il codice Pin, digitando il reddito complessivo indicato nella dichiarazione presentata nel 2014 e il codice fiscale. Gli stessi dati sono richiesti al contribuente che fa richiesta del Pin per telefono al call center al numero 848.800.444. In entrambi i casi il sistema fornirà subito la prima parte del Pin (le prime 4 cifre). Entro 15 giorni il contribuente riceverà proprio al domicilio una lettera con le ultime sei cifre del Pin e la password di accesso. Se la richiesta viene fatta allo sportello il contribuente riceve le prime quattro cifre del codice, la password provvisoria e il numero della domanda di abilitazione, da
conservare per completare l'abilitazione attraverso il Web. Per ottenere la seconda parte del Pin il contribuente deve collegarsi al sito dell'Agenzia e accedere ai servizi di Fisconline inserendo il «nome utente» (il codice fiscale) e la password riportata nel foglio che gli è stato consegnato in ufficio. Successivamente, al primo accesso, il sistema chiede al contribuente di cambiare la password inserendone una nuova (quella provvisoria va comunque conservata). Per completare la registrazione al servizio telematico Fisconline e ricevere le ultime 6 cifre del Pin basta poi selezionare la funzione «Per coloro che hanno richiesto il Pin ad un ufficio» nella sezione «Profilo utente», inserire il numero della domanda di abilitazione e cliccare su «invia». La seconda parte del Pin e la password iniziale di accesso sono inviate per posta al
domicilio esclusivamente nel caso in cui a fare richiesta di abilitazione ai servizi telematici in ufficio è un delegato.    I contribuenti in possesso di Smart Card/Cns beneficiano di una procedura semplificata. Il sistema dopo aver effettuato i controlli sulla Carta nazionale dei servizi inserita nel lettore, fornirà immediatamente al contribuente il codice Pin e la password per l'accesso a Fisconline. Se si smarrisce la password si può ripristinare inserendo
il codice Pin e la password iniziale. Chi non trova nemmeno la password iniziale deve chiedere in uno degli uffici dell'Agenzia di annullare l'attuale abilitazione e domandarne una nuova.

Verificare in tempo reale cartelle e avvisi di pagamento, pagare, rateizzare e controllare
l'eventuale attivazione di procedure di riscossione. Grazie alla nuova area riservata sul sito www.gruppoequitalia.it i contribuenti potranno gestire in modo sicuro le pratiche di Equitalia, senza passaggi allo sportello. Per accedere, si spiega in una nota, basta collegarsi alla home page del sito, cliccare sull'icona «area riservata» e successivamente su «accedi al servizio». A questo punto basterà inserire le credenziali personali, le stesse che si utilizzano
per scaricare il modello 730 precompilato (nome utente e password fornite dall'Agenzia delle entrate o dall'Inps oppure avvalersi della Carta Nazionale dei Servizi). L'utilizzo delle credenziali di accesso consente il riconoscimento del soggetto che si autentica (persona fisica,
rappresentante legale o intermediario),  semplificando al massimo le operazioni.

Con semplici passaggi è possibile accedere all'estratto conto, fare domanda di rateazione sotto i 50mila euro, verificare eventuali procedure in corso, pagare cartelle e avvisi.  I servizi dell'area riservata si aggiungono agli altri già disponibili e per i quali non è necessaria l'autenticazione: «paga online» che consente di effettuare pagamenti con carta di credito, «sospensione online», che in pochi passaggi permette di richiedere la sospensione della riscossione per verificare quanto richiesto dagli enti creditori, il «trova sportello» e i «canali di contatto» per chiedere l'assistenza di Equitalia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X