Martedì, 18 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Vendita appartamenti, l'Agenzia delle entrate: i prezzi sono ancora in lieve calo
FLESSIONE DELLO 0,8%

Vendita appartamenti, l'Agenzia delle entrate: i prezzi sono ancora in lieve calo

ROMA. Sono ancora in leggero calo i prezzi delle compravendite delle abitazioni. Nel secondo semestre 2014, stima l'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle entrate, i prezzi sono scesi dello 0,8% e, secondo il direttore dell'Osservatorio Gianni Guerrieri, nel 2015 la lieve flessione proseguirà, quindi sui prezzi "non si vede una svolta significativa".

Dopo 7 anni in "rosso" compravendite 2014 a +1,8%. Dopo 7 anni di calo le compravendite immobiliari nel 2014 tornano al segno più con una crescita dell'1,8% rispetto al 2013. Lo comunica l'Agenzia delle entrate. Nel quarto trimestre l'aumento è stato del 5,5%.

Il 2014, spiega l'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate, si chiude quindi con un totale di 920.849 unità compravendute, contro le 904.960 del 2013. Il miglior risultato è del settore commerciale (+5,7%), seguito dai settori residenziale e produttivo (+3,6%) mentre resta negativo il terziario (-4,6%). Tra le grandi città, per il mercato delle abitazioni, spiccano Bologna con un +18,5% e Genova con un +15%. Unica negativa tra le grandi città è Napoli, che nel 2014 perde il 3,7%, un dato però influenzato dal confronto con l'anno, il 2013, in cui è avvenuta la dismissione del patrimonio residenziale del Comune a favore degli inquilini. Per quanto riguarda Roma si registra una crescita del 13,9% su base annua e del 20% negli ultimi tre mesi dell'anno.

Analizzando invece i dati dell'ultimo trimestre 2014, confrontati con quelli relativi allo stesso periodo del 2013, l'incremento tendenziale del mercato delle abitazioni è pari a +7,1%, quello dei negozi segna una variazione di +14,1% e il produttivo registra un +3,1%. Pressochè stabili, infine, le compravendite del terziario (+0,3%). Nel 2014 crescono anche gli acquisti di abitazioni con ricorso ad un mutuo ipotecario (+12,7% rispetto al 2013). Per il 40,6% del totale degli acquisti di abitazioni l'acquirente si è rivolto alla banca, ottenendo, come capitale medio erogato, circa 119 mila euro (tre mila in meno rispetto al 2013).

La rata media mensile iniziale risulta in calo del 7% rispetto all'anno precedente e pari a 631 euro. Nel 2014 scendono di circa mezzo punto percentuale anche i tassi d'interesse, attestandosi intorno al 3,4% mentre rimane stabile la durata media del mutuo (22 anni). Aumentano, infine, le compravendite di nuda proprietà (+1,5%) con una crescita più accentuata nei Comuni capoluogo rispetto ai Comuni minori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X