Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Banche popolari, conti in chiaroscuro ma la Borsa premia la riforma
CREDITO

Banche popolari, conti in chiaroscuro ma la Borsa premia la riforma

Sotto la lente di Bankitalia sono finite le gravi perdite del patrimonio. Peraltro i conti 2014 che il cda stava esaminando prima che la banca fosse posta in amministrazione straordinaria, erano attesi in perdita per oltre 140 milioni di euro

MILANO. I conti sono in chiaroscuro e, per qualcuna, il rosso è evidente, ma l'andamento delle banche Popolari in Piazza Affari è da record. Se si guarda, infatti, a quasi un mese e, cioè al decreto di riforma per la trasformazione in Spa, la crescita è a doppia cifra. Ne è un esempio la 'piccolà Etruria che ha segnato, nell'arco di 18 sedute, un +60 per cento. La corsa si è poi fermata, perchè come è noto, l'istituto aretino (famoso per la sua storia d'intermediario dell'oro) è stato commissariato e il titolo, ovviamente, stoppato a tempo indeterminato. Sotto la lente di Bankitalia sono finite le gravi perdite del patrimonio. Peraltro i conti 2014 che il cda stava esaminando prima che la banca fosse posta in amministrazione straordinaria, erano attesi in perdita per oltre 140 milioni di euro.

E se ad Arezzo c'è poco da sorridere più a Nord rettifiche e avviamenti piegano il Creval (+50% in Borsa in un mese) che chiude l'anno con un rosso da 325 milioni. Sull'istituto pesano svalutazioni per 330 milioni a seguito dell'asset quality review della Bce. Mentre 131 sono i milioni per gli avviamenti ad esito dell'impairment test, e 44 quelli per gli oneri per gli esuberi. Sempre in Valtellina la Banca Popolare di Sondrio (+30% a Piazza Affari da metà gennaio a venerdì), pur registrando nel 2014 un utile di 115 milioni, vede le sofferenze crescere del 33% a 615 milioni. Mentre in Emilia Romagna la Bper (+32% in Borsa) accompagna all'utile di quasi 30 milioni il lancio di un nuovo piano che prevede per il 2017 un risultato al di sotto del mezzo miliardo. Tra i big svaluta il Banco Popolare (+32% la corsa sul listino su un mese e sui livelli di metà settembre). L'istituto di Saviotti chiude con un rosso che sfiora i 2 miliardi di euro.

Le rettifiche straordinarie del quarto trimestre sono pari a 2,5 miliardi (3,5 mld nell'anno). E tra le non quotate fa pulizia anche la Popolare di Vicenza (497 milioni la perdita). La Bpm (sempre un +32% in Borsa) è tornata invece a distribuire la cedola con utile nel 2014 232,3 milioni (contro 29,6 milioni del 2013). Ubi è invece quella che è cresciuta meno in un mese in Borsa (+18%). Anche l'istituto guidato di Massiah - quotato come uno dei possibili aggregatori (anche verso Mps e Carige) e al centro di una bufera giudiziaria (che mette in dubbio la regolarità dell'ultima assemblea) - ha pagato l'effetto svalutazioni con una perdita per quasi 726 milioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X