Sabato, 10 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Benzina, Italia prima nella classifica mondiale degli aumenti

Benzina, Italia prima nella classifica mondiale degli aumenti

Con un aumento di oltre il 18% tra il febbraio 2011 e quello 2012, il nostro paese, secondo l'Economist, è in testa alla classifica dei rincari di carburanti. In Norvegia (2,58 dollari a litro) la verde in assoluto più costosa
Sicilia, Economia

ROMA. Con un rincaro di oltre il 18% in un anno, l'Italia vince come Paese in cui il costo della benzina è aumentato di più tra febbraio 2011 e febbraio 2012. Secondo una classifica pubblicata dall'Economist, gli automobilisti italiani hanno dovuto fare i conti con una scure che non ha pari in nessun altro Paese occidentale.


Basti pensare che negli Stati Uniti, dove pure la benzina è volata alle stelle verso i 4 dollari al gallone, l'incremento annuo è stato del 12%. In Germania non arriva al 7%, in Grecia, dove sono stati molti i balzelli fiscali imposti per fronteggiare la crisi come in Italia, l'aumento è dell'8%. Caso unico quello della Francia, dove i prezzi sono addirittura diminuiti. In termini assoluti, l'Italia non è comunque al top per il prezzo della verde. Più cara che nel nostro Paese, dove secondo i dati pubblicati dall'Economist la benzina costa 2,3 dollari al litro, sono infatti la Norvegia (2,58 dollari) e, di misura, i Paesi Bassi (2,32 dollari).


Ecco una tabella con la top ten dei rincari segnalati dall'Economist a febbraio scorso in base ai dati raccolti da Automobile Association, Australian Institute of Petroleum, Natural Resources Canada, Japanese Oli Information Center e Thomson Reuters (prezzo espresso in dollari).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X