Domenica, 22 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Riti sacri del Nisseno e dell'Ennese tra i beni immateriali della Regione: ecco quali
REIS

Riti sacri del Nisseno e dell'Ennese tra i beni immateriali della Regione: ecco quali

Caltanissetta, Enna, Cultura
La Settimana Santa a Delia

La Commissione del Reis, il Registro delle eredità immateriali della Regione, ha riconosciute alcune espressioni legate ai riti della tradizione cristiana nelle province di Caltanissetta ed Enna.

In particolare, sono stati iscritti i Lamenti della Settimana Santa di Montedoro, pregevole esempio di canto responsoriale legato alla Settimana Santa, con l’alternarsi delle parti in latino e in dialetto siciliano. I lamenti vengono tramandati oralmente attraverso generazioni di cantori specializzati nell’esecuzione musicale che accompagna la passione e la morte di Gesù Cristo e il dolore della Madre.

Iscritti nel Reis anche i Riti della Settimana Santa a Delia, in quanto espressione sacra, sonora, rituale che accompagna i momenti apicali della passione di Cristo. E «L’Ancuntru. Pasqua a Pietraperzia» che si aggiunge a «Lu Signuri di li Fasci», altro rito della Settimana Santa di Delia, già presente nel Reis. La celebrazione rappresenta il momento culminante che vede l’incontro tra la Madonna e il Cristo risorto.

Degna di essere preservata nella memoria immateriale della Sicilia anche la Festa di San Giuseppe a Villadoro (EN) in quanto manifestazione tradizionale che possiede tutti gli elementi connotativi del rito: la questua, gli altari di pane di varie forme, i fuochi e poi ancora canti, preghiere e sacre rappresentazioni tra cui il viaggio della Sacra Famiglia e il consumo delle mense dei Virgineddi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X