Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura La Aita Mari verso Palermo con 36 migranti, no di Musumeci: "Grave se Roma consente lo sbarco"
IL CASO

La Aita Mari verso Palermo con 36 migranti, no di Musumeci: "Grave se Roma consente lo sbarco"

coronavirus, migranti, Nello Musumeci, Sicilia, Cultura
La nave Aita Mari

In viaggio verso Palermo con 36 migranti a bordo la Aita Mari, nave della ong basca Salvamento maritimo humanitario.

Ma sull'arrivo in Sicilia arriva un secco no da parte del presidente della Regione Nello Musumeci: «Il governo della Regione dice no all'approdo", scrive in una nota. "Sarebbe grave se Roma consentisse lo sbarco di queste persone, dopo il rifiuto di altri Paesi dell'Unione Europea, in un'Isola che vive con alta tensione gli effetti dell'emergenza epidemica».

I migranti sono stati soccorsi domenica scorsa in acque maltesi. In 8 sono stati evacuati nei giorni a scorsi a Lampedusa per ragioni sanitarie. "Le condizioni delle persone salvate rimangono ai limiti", spiega la ong. La nave, in sostanza, sta seguendo la stessa rotta che qualche giorno fa ha percorso la Alan Kurdi, viaggio che ieri si è concluso con il trasferimento dei 146 naufraghi sul traghetto Rubattino per la quarantena davanti al porto di Palermo, con l'assistenza della Croce Rossa.

Sul caso interviene oggi anche il leader della Lega Matteo Salvini: "In arrivo oggi a Palermo anche la nave Ong spagnola Aita Mari, rifiutata da Malta. Il confortevole traghetto Tirrenia è pronto a ospitare la quarantena anche dei nuovi immigrati clandestini, prima di procedere al loro sbarco", scrive su Twitter. "Complimenti al governo, è davvero la promozione turistica di cui aveva bisogno la Sicilia", aggiunge Salvini.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X