Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
DAL 22 SETTEMBRE

Ferdinando Scianna, in mostra a Forlì 200 scatti del fotografo bagherese

Ferdinando Scianna è il fotografo ospite alla 'Settimana del Buon Vivere 2018' a Forlì: la sua mostra, 'Viaggio Racconto Memoria', inaugura sabato e sarà visitabile fino al 6 gennaio ai Musei San Domenico.

Prima di lui - artista nato a Bagheria - la Settimana aveva ospitato Steve Mc Curry (2015), Sebastiao Salgado (2016) ed Elliott Erwitt (2017).

Con circa 200 foto in bianco e nero in diversi formati, la rassegna attraversa l’intera carriera del fotografo siciliano, nato a Bagheria nel '43, e si sviluppa in sei sezioni: la Memoria (Bagheria, la Sicilia, le feste religiose); il racconto (Lourdes, i bambini, Kami, il dolore); ossessioni (il sonno, le cose, l’ombra, bestie, gli specchi); il viaggio (America, deambulazioni, i luoghi); ritratti; riti e miti (le cerimonie, donne, Marpessa).

Scianna ha iniziato ad appassionarsi al linguaggio fotografico negli anni Sessanta, raccontando per immagini la cultura e le tradizioni della sua regione. Il suo lungo percorso artistico si snoda attraverso varie tematiche - l’attualità, la guerra, il viaggio, la religiosità popolare - tutte legate da un unico filo conduttore: la costante ricerca di una forma nel caos della vita. In oltre 50 anni di racconti non mancano le suggestioni: da Bagheria alle Ande boliviane, dalle feste religiose - esordio della sua carriera - all’esperienza nel mondo della moda, iniziata con Dolce&Gabbana e Marpessa. Poi i reportage (fa parte dell’agenzia foto giornalistica Magnum), i paesaggi, le sue ossessioni tematiche come gli specchi, gli animali, le cose. Infine i ritratti dei suoi grandi amici, maestri del mondo dell’arte e della cultura come Sciascia, Cartier-Bresson e Borges.

«Come fotografo mi considero un reporter - dice del suo lavoro -. Il mio riferimento fondamentale è quello del mio maestro per eccellenza, Henri Cartier-Bresson, per il quale il fotografo deve ambire ad essere un testimone invisibile, che mai interviene per modificare il mondo e gli istanti che della realtà legge e interpreta. Ho sempre fatto una distinzione netta tra le immagini trovate e quelle costruite. Ho sempre considerato di appartenere al versante dei fotografi che le immagini le trovano, quelle che raccontano e ti raccontano, come in uno specchio. Persino le foto di moda le ho sempre trovate nell’azzardo degli incontri con il mondo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X