Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Il Castello della Zisa patrimonio Unesco: aumentano i visitatori
PALERMO

Il Castello della Zisa patrimonio Unesco: aumentano i visitatori

di
CASTELLO DELLA ZISA, unesco, Sicilia, Cultura
Castello della Zisa - Palermo
PALERMO. Un aumento del 10 per cento di visitatori, rispetto allo scorso anno, da quando è diventato patrimonio dell' Unesco. È il dato registrato dalla Soprintendenza ai Beni culturali sul Castello della Zisa di Palermo. Un monumento simbolo della cultura palermitana, sorgeva fuori le mura della città, all' interno del parco reale normanno, il Genoardo «paradiso della terra», caratterizzato da rigogliosi giardini e bacini d' acqua che si estendevano fino alle mura del Palazzo Reale.
Questo «gioiello d' arte» lo scorso 3 luglio a Bonn è stato nominato patrimonio dell' umanità, nell' ambito della candidatura Unesco dell' itinerario arabo -normanno di Palermo, Monreale e Cefalù.
Insieme al Castello della Zisa, gli altri beni a ricevere questo riconoscimento sono stati: il Palazzo Reale/cappella Palatina, la chiesa di San Giovanni degli Eremiti, la chiesa di Santa Maria dell' Ammiraglio conosciuta da tutti come la Marto rana, la chiesa di San Cataldo, ponte Ammiraglio e le cattedrali di Palermo, Monreale e Cefalù.
Ammontano a 14.896 i visitatori locali e stranieri che hanno varcato la soglia del Castello della Zisa nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Il motivo dell'aumento delle presenze è sicuramente dovuto alla candidatura. Soprattutto i turisti stranieri erano curiosi di conoscere le bellezze architettoniche arabe/normanne che Palermo custodisce.
Tra queste proprio il Castello. Il picco di presenze si è raggiunto ad agosto, il mese successivo alla cerimonia tenutasi a Bonn. Sono state infatti, 5.221 le visite. Nell' agosto 2014 invece, i turisti che hanno ammirato e immortalato i tesori che si trovano all' interno del monumento sono stati 4.206. La costruzione del Castello della Zisa, secondo alcune fonti, iniziò intorno al 1165 sotto il regno di Guglielmo I. L' opera fu portata a termine dal suo successore Guglielmo II.
La struttura fu concepita come dimora estiva dei re e rappresenta uno dei miglior esempi del connubio di arte e architettura normanna, con ambienti tipici della casa di questa cultura, e decorazioni e ingegnerie arabe. Il Castello è rivolto verso il mare per godere dei Nella foto il Castello della Zisa di Palermo: i visitatori sono cresciuti del 10% dopo il riconoscimento Unesco venti più temperati, specialmente notturni, che venivano captati dentro il palazzo attraverso i tre grandi fornici della facciata e la grande finestra belvedere del piano alto.
Le brezze, inoltre, venivano inumidite dal passaggio alla peschiera che si trova davanti al bene storico e dalla presenza di acqua corrente all' interno della Sala della Fontana. Tutto ciò dava una grande sensazione di frescura. L' ubicazione del bacino davanti al fornice d' accesso, infatti, è tutt' altro che casuale: esso costituiva una fonte d' umidità al servizio del Castello.
Anche la dislocazione interna dei saloni è stata realizzata seguendo un sistema abbastanza complesso di circolazione dell' aria che grazie alle canne di ventilazione e alle finestre esterne stabilivano un flusso continuo di frescura.
Nel 1806, il Palazzo della Zisa divenne di proprietà dei principi Notarbartolo, rappresentanti della più antica nobiltà siciliana, che ne fecero propria residenza. Gli aristocratici svolsero diverse opere di consolidamento e trasformarono la distribuzione degli ambienti mediante la costruzione di tramezzi, soppalchi, scalette interne. Dopo anni bui caratterizzati anche da degrado e incuria, il monumento grazie al recupero della Soprintendenza si è riscattato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X