Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Leonardo forse disegnò una seconda Gioconda: si trova in Russia
ARTE

Leonardo forse disegnò una seconda Gioconda: si trova in Russia

A queste conclusioni, dopo lunghi accertamenti, è giunto Silvano Vinceti coordinatore della ricerca e secondo il quale «molteplici sono gli indicatori che rinviano al grande genio pittorico toscano ma si tratta di una ipotesi»

FIRENZE. C'è la possibilità che Leonardo possa avere realizzato una  «Gioconda con le Colonne» sconosciuta e che si trova a San Pietroburgo in una collezione privata. A queste conclusioni, dopo lunghi accertamenti, è giunto Silvano Vinceti coordinatore della ricerca e secondo il quale «molteplici sono gli indicatori che rinviano al grande genio pittorico toscano ma si tratta di una ipotesi».

Gli esami, tra cui quelli a raggi infrarossi, a raggi X, dei componenti dei colori usati, hanno evidenziato, spiega Vinceti, «la piena compatibilità di questo dipinto con il periodo in cui Leonardo realizzava i suoi capolavori». Per le analisi usata anche la tecnica del «photoshop avanzato», cioè la comparazione di un dipinto e dei suoi particolari con altri simili.

«In questo caso - dice Vinceti - ci si è avvalsi dello studio preparatorio della Gioconda che Carlo Pedretti, il più grande studioso di Leonardo ritiene essere probabilmente di Leonardo. Nella comparazione fra lo studio preparatorio, del Louvre, e la Gioconda Russa è emersa la piena sovrapposizione fra la Gioconda Russa e lo studio preparatorio, le colonne, presenti nella Gioconda Russa e nello studio preparatorio, ma anche la perfetta coincidenza fra la sagoma del labbro superiore dello studio preparatorio, della Gioconda russa e non della Gioconda del Louvre».

"Tutti gli elementi che sono emersi da questa lunga e affascinante avventura indagativa - spiega Vinceti - sono messi a disposizione di tutti. Personalmente mi limito ad asserire che la possibilità che vi possa essere la mano di Leonardo e di un suo allievo è una ipotesi che ha una sua dignità. Da ricercatore non avendo verità assolute so che, tutto è relativo, pronto a cambiare idea se emergono diversi elementi certi e fondati".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X