Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Ballarò, antico mercato e ritrovo per giovani
STORIA

Ballarò, antico mercato e ritrovo per giovani

PALERMO. Il mercato più antico di Palermo, oggi luogo di ritrovo per molti giovani. Da piazza Casa Professa alle mura ciquecentesche di corso Tukory, verso Porta Sant'Agata, Ballarò è uno dei luoghi simboli della città tutta. Una passeggiata tra i vicoli di questo antico quartiere altro non è che l'occasione per fare un tuffo nel passato, esplorando così la storia della Sicilia.

Il primo a parlare di Ballarò fu Ibn Hawgal, un viaggiatore arabo del decimo secolo. Ballarò prende il nome da 'Bahlara', un villaggio vicino Monreale.

La storia ci racconta anche che il nome Ballarò deriverebbe dal titolo dei sovrani della regione indiana del Sind, 'Ap-Vallaraja', per via delle spezie che si vendevano. Sembra anche che nel 1743, il quartiere abbia dato i natali a Giuseppe Balsamo famoso conte di Cagliostro. Fu lui a fondare una massoneria di rito egizio.

I vicoli stretti e gli angoli oscuri svelano la vera anima del quartiere, caratterizzato da case basse e fatiscenti. Queste si alternano a chiese ed edicole votive di grande valore culturale. Il mercato in particolare è un vero e proprio fulcro di colori accesi, tripudio di frutta, carne e pesce. , con i suoi suoni, le voci e gli odori di carne, pesce e arance.

Il quartiere di Ballarò comprende l'arco di Cutò, via Chiappara Al Carmine, via Collegio di Maria al Carmine, piazza del Carmine, via Ballarò, piazza Ballarò, via Casa Professa, piazza Casa Professa, via del Ponticello, via Maqueda.

L'intero quartiere, specie il mercato, è frequentato ogni giorno da centinaia di persone, animato dalle cosiddette 'abbanniate' dei venditori. Sono loro che cercano di attirare l'attenzione sulla loro merce. Le bancarelle sono caratterizzate da tende illuminate da lampadine che pendono dall'alto, e offrono alimenti di stagione, roba fresca prodotto nelle campagne siciliane o proveniente dai mari locali.

Ballarò è anche cultura con la presenza di statue, medaglioni, cornici, stucchi che sono la massima espressione del barocco a Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X