Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Palermo, alle Terrazze del Kalhesa arrivano i Tre Terzi
CITTA' DA VIVERE

Palermo, alle Terrazze del Kalhesa arrivano i Tre Terzi

di

PALERMO

Stasera a Collesano alle 21,30 in piazza Mazzini, musica e karaoke con Carmelo Guzzio e Serena Noce.

-

Prosegue la serie di iniziative organizzate per il mese di agosto dalla sezione palermitana del Cai. Oggi al Rifugio Marini suonerà il Bino Cangemi Quartet” e sabato, Mimmo Cafiero e la Open Jazz School band. Partecipazione libera, partenza alle 14,30 da viale Regione Siciliana, altezza Trionfante.

-

Stasera dalle 19,30 alle Terrazze del Kalhesa arrivano i Tre Terzi.  Ingresso 10 euro con consumazione.

-

Da gustare

Prosegue a Campofelice di Fitalia, “I giorni del grano”, organizzata dal “Museo del grano e della civiltà contadina siciliana”. Fino al 20 agosto saranno aperte al pubblico alcune collezioni museali private e pubbliche. Oltre al museo del grano (corso V. Emanuele 5, 10,30/12,30 e 17/19,30), saranno visitabili: il museo civico etnico antropologico; l’antica bottega di fabbro ferraio di mastro Cola Scaglione (via Cairoli 36, 10,30/12,30); i reperti della civiltà contadina della collezione Cutaia (corso Vittorio Emanuele 103, dalle 17 alle 19,30); gli oggetti di antiquariato (via Antonio Gramsci, dalle 17 alle 19,30).

Da vedere

Nell’ex chiesa SS. Crocifisso, in corso Umberto a Castelbuono, la mostar degli scatti che partecipano al concorso nazionale di fotografia Città di Castelbuono - XVI edizione Premio giovani  Enzo La Grua. Una sezione speciale del premio è riservata ai giovani talenti, sui temi: “Libero”, Castelbuono oggi” e “Il cibo: storie di vita e di paesi”. La giuria, composta da Vincenzo Cucco, Giovanni Pepi, Piero Longo, Giacomo D’Aguanno, Sandro Scalia, Franca Schininà  e Gigi Petyx, ha selezionato gli scatti da esporre fino al 23 agosto, dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 23.

-

E’ il carcere borbonico di Gangi a ospitare la mostra fotografica dell’artista americano James Higginson. La mostra dal titolo “Tra terra e cielo” ha come soggetto “La Georgia” e sarà visitabile con apertura quotidiana dalle 10 alle 13 e dalle 16,30 alle 19,30, fino al 25 settembre. James Higginson, di Pittsburgh in Pennsylvania, nasce come scienziato prima di diventare un artista: oltre a occuparsi di ricerca sul cancro alla Boston University, ha prodotto uno show televisivo della Disney. Durante i suoi 17 anni di esperienza a Hollywood ha anche ricevuto un prestigioso Emmy Awards. La mostra è patrocinata dal Comune. Stasera alle 21, 30, la commedia popolare” Miraculi: quannu cinnè,  cinnèè pi tutti” del Teatro della Rabba.

-

Continua ad Isola delle Femmine la collettiva itinerante dedicata al Beato PINO PUGLISI inaugurata lo scorso 5 giugno alla Cattedrale di Palermo. Dal 3 al 25agosto, presso la Parrocchia Maria SS delle Grazie di Isola delle Femmine, si potranno ammirare le opere che i 24 artisti hanno intitolato al Beato Padre Puglisi.

-

Alla civica galleria d'arte moderna di Monreale, una mostra di libri d'artista, “Dialogus Creaturarum Moralisatus” in formato leporello (un'unica striscia di carta piegata a fisarmonica), a cura di Antonina Greco. In mostra le opere di Giuseppe Agnello, Mariano Brusca, Gai Candido, Franco Castiglione, Liliana Conti Cammarata, Nicolò D’Alessandro, Rosetta D’Alessandro, Isabella Ducrot, Antonio Freiles, Laura Giambarresi, Nella Giambarresi, Carla Horat, Giuseppe La Bruna, Michele Lambo, Carlo Lauricella, Rossella Leone, Giovanni Leto, Gaetano Lo Manto, Carmelo Marchese, Elmo Napoli, Gina Nicolosi, Arianna Oddo, Enzo Patti, Marilena Pecoraro, Lorenzo Reina, Salvatore Rizzuti, Salvatore Salamone, Paolo Sardina, Franco Spena, Enzo Venezia, Vincenzo Ventimiglia. Fino al 5 settembre, dal lunedì al sabato 9/13 e 15/18.

-

Alla galleria FrancescoPantaleone Arte contemporanea, la mostra “Le declinazioni della pittura”, collettiva a cura di Arianna Rosica, che racchiude opere di Stefano Arienti, Marco Bongiorni, Giuseppe Buzzotta, Paolo Canevari, Stefania Galegati Shines, John Kleckner, Angelo Mosca, Seb Patane, Jo Robertson, Angelo Sarleti, Michele Tocca e Vedovamazzei. Un incontro/confronto tra artisti di diverse generazioni pronti a presentare diverse modalità di declinare la pittura oggi. Una pittura che, mantenendo un’armonia sottesa misteriosamente nascosta, si fa installazione, gesto, azioni e processi. Fino al 15 settembre, dal martedì al venerdì dalle 10 alle 19, sabato fino alle 18.

-

Fino Al 30 settembre all’Orto Botanico di via Lincoln sarà possibile visitare il Museo delle Palme. Il progetto è di A progect space. L’obiettivo è quello di rivitalizzare una collezione dell’Orto risalente agli anni 90 quando alcuni maestri italiani della pittura furono ispirati proprio dalle palme.

-

E’ stata prorogata fino al 27 settembre a palazzo Abatellis di via Alloro ci sarà la mostra “Bozzetti e modelli del 700 e del primo 800 dalle collezioni di palazzo Abatellis”, a cura di Gioacchino Barbera e Evelina de Castro. L’allestimento si potrà visitare dal martedì al venerdì dalle 9 alle 19 e sabato e domenica fino alle 13,30.

-

Fino al 7 settembre la Galleria d’arte moderna (piazza Sant’Anna) ospita la doppia mostra “Immaginari di uno stare” a firma Gianni Pettena e Marc William Zanghi. Un originale dialogo tra la pittura di Marc William Zanghi, uno tra i più importanti rappresentanti della giovane arte siciliana, la cui figurazione s’inserisce sul sentiero tracciato dai protagonisti della Scuola di Palermo, e gli interventi architettonici di Gianni Pettenatra gli esponenti più accreditati dell’architettura radicale, sorta a Firenze alla fine degli anni ‘60.  L’esposizione, a cura di Lorenzo Bruni, presenterà trenta dipinti e sculture di Marc William Zanghi collocati negli spazi della galleria, appositamente modificati da tre interventi di Gianni Pettena. Martedì- domenica dalle 9,30 alle 18,30, biglietti: 6/4 euro.

-

Villa Zito (via Libertà 52) riapre le porte e si trasforma in una grande pinacoteca di circa mille metri quadrati di sale espositive, disposte su tre piani. I visitatori potranno scoprire le opere più rappresentative della collezione pittorica della Fondazione Sicilia. Tele di grande valore, realizzate tra ‘600 e ‘900, dai più grandi maestri della storia dell’arte italiana. Il tutto è frutto del recupero dei pezzi dell’ex Banco di Sicilia, riottenuti dalle diverse filiali; e da altri, provenienti dal patrimonio della ex Cassa di Risparmio Vittorio Emanuele per le province siciliane. Orari: martedì e giovedì, sabato e domenica 16/20, mercoledì e venerdì, 10/14. Biglietti: 5/3 euro.

-

La Via Crucis, o “via della croce”, è un rito che propone una riflessione sul percorso doloroso di Gesù Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota. Durante la Settimana Santa i cristiani pregano di fronte a quattordici immagini, dette “stazioni” della passione di Cristo. Le opere di Fernando Botero raccolte per l’esposizione “VIA CRUCIS la pasión de Cristo” rappresentano una svolta nella carriera dell’artista, senza per questo mettere in ombra il tratto originale e peculiare del linguaggio che lo ha reso famoso. E’ possibile ammirare la mostra al Complesso Monumentale Palazzo Reale, Cappella Palatina fino al 30 settembre. Da lunedì al sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40 (ultimo biglietto ore 17.00). Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00 (ultimo biglietto ore 12.15).

-

MESSINA

Da vedere

Fino al 30 settembre Lipari ospita la mostra “Eolie 1950-2015. Mare Motus” allestita nella ex Chiesa S. Caterina. A cura di Lea Mattarella e Lorenzo Zichichi, l’esposizione è l’ultimo step di un grande progetto comunitario biennale - Mareolie - concepito dall’architetto Michele Benfari (già direttore del Museo archeologico) e dall’archeologa Maria Clara Martinelli per valorizzare in chiave contemporanea l’area fortificata del Castello, già sede del prestigioso Museo Bernabò Brea.  Ingresso gratuito. Orari 10-19: aperto tutti i giorni.

-

RAGUSA

Da vedere

È il Guccione più intimo e familiare, quello di “Piero Guccione. Amori” in mostra a Scicli (Rg) negli spazi del movimento “Vitaliano Brancati” dal 9 agostoe fino all’8 settembre (in Via Mormino Penna, ingresso gratuito). Un’esposizione curata dallo storico dell’arte Paolo Nifosì e dedicata ai pastelli meno conosciuti o addirittura inediti di Piero Guccione, doni del grande maestro alla sua compagna, Sonia Alvarez, o agli amici più cari e fraterni in occasione di compleanni e anniversari. Sessanta opere dal soggetto delicatissimo e di piccolo formato - come brevi poesie - che per un mese intero escono dagli spazi privati, le case degli “amici di Piero”, per essere condivise con il grande pubblico di appassionati, desiderosi di ammirare l’arte del maestro. Dopo Modica, anche Scicli, città natale di Guccione, vuole rendere omaggio ai suoi 80 anni con questa mostra organizzata dal Movimento “Vitaliano Brancati” e dall’Amministrazione comunale grazie alla collaborazione di numerosi sponsor. “Piero Guccione. Amori” sarà visitabile a Scicli fino all’8 settembre tutti i giorni, dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 24. Ingresso gratuito. Orari: tutti i giorni 10-13 e 16.30-24.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X