Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura In mostra lo scrigno dei tesori di Palermo

In mostra lo scrigno dei tesori di Palermo

Proposta per la prima volta l’intera collezione di suppellettili liturgiche, di paramenti sacri e di rari manoscritti custoditi e utilizzati alla Cappella Palatina

PALERMO. Chi pensa che argenti, ostensori, piviali e vasi arabescati rimangano chiusi negli forzieri, sbaglia di grosso: ognuno di questi pezzi possiede una sua vita, di pari passo a celebrazioni, messe, ricorrenze, feste. Ma forse per la prima volta vengono mostrati tutti insieme, al di là delle funzioni della Cappella Palatina: un’occasione veramente unica per bearsi di argenti e decori, fregi e delicate incisioni. Oltre 70 pezzi e 20 paramenti, nonché impalpabili manoscritti, compongono infatti la mostra «Lo scrigno di Palermo» ospitata da oggi al 10 giugno nella Sale Duca di Montalto a Palazzo Reale, organizzata dalla Fondazione Federico II e curata da Maria Concetta Di Natale e Maurizio Vitella.
La mostra propone, per la prima volta, l’esposizione dell’intera collezione di suppellettili liturgiche e una selezione dei più pregiati paramenti sacri, un tesoro d’arte applicata poco conosciuto, ora reso fruibile nella sua interezza. «La Fondazione ha ritenuto giusto fare un dono alla città e ai turisti, riportando alla luce un patrimonio straordinario di solito conservato nei forzieri della Cappella Palatina – spiega il presidente della Federico II, Francesco Forgione -. Un tesoro nel tesoro, dagli argenti ai tessuti fino alla pergamene federiciane. Il mio auspicio è che si possa un giorno giungere ad un’esposizione permanente perché questo è un patrimonio dell’umanità. L’anno scorso ben 390.000 visitatori hanno scoperto Palazzo Reale, siamo il sito più visitato di Palermo e provincia. Questo sarà soltanto il primo passo, vorremmo aprire l’intero palazzo alla città».
Ma la mostra è soprattutto uno spunto per scoprire le maestranze argentiere di Palermo, che operavano tra fine ‘500 e secondo ‘800. Da un lato le ricche committenze, dall’altro l’abilità degli argentieri: sono nati così pezzi straordinari – per tutti, i vasi con le pampine del Paradiso, a tre punte, che rimandano alla Trinità; o il piatto in argento con Orfeo che ammansisce le belve, di Giuseppe Di Filippo – che raccontano una storia festosa fatta di ricorrenze e delicati momenti di raccoglimento. Al fianco dei pezzi in argento, i paramenti sacri, alcuni tra gli esemplari scampati all’incendio scoppiato nella sacrestia il 27 ottobre 1963, quel che resta della collezione di sete e ricami della Cappella Palatina, dalla fine del XVI secolo giunge sino ai primi del ‘900. E ancora, selezionati da Maria Concetta Di Natale e Maurizio Vitella che hanno redatto anche un catalogo/archivio con schede minuziose, ecco i cofani eburnei e le pergamene da cui si può leggere in filigrana la storia del Regio Palazzo. Il ricordo degli studiosi corre al ciantro Benedetto Rocco, cui la mostra è dedicata, che per anni ha non solo conservato e protetto, ma anche catalogato e schedato, l’immenso patrimonio. La mostra è aperta da lunedì al sabato dalle 8,15 alle 17,40, domenica e festivi fino alle 13. Biglietto 5 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X