Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Centri antiviolenza donne, finanziati due nuovi progetti in Sicilia
VOLONTARIATO

Centri antiviolenza donne, finanziati due nuovi progetti in Sicilia

Sicilia, Cronaca
Scarpe rosse contro la violenza sulle donne

Rafforzare i servizi e ampliare gli orari di apertura dei Centri Antiviolenza, aprirne di nuovi, anche «digitali» o in zone dove fino ad oggi non erano presenti iniziative a sostegno di chi ha subito violenza. Sono queste le principali iniziative che saranno realizzate grazie ai nuovi 8 progetti selezionati dalla Fondazione «Con il Sud» attraverso il “Bando per il contrasto della violenza di genere» e che saranno sostenuti con 2 milioni di euro. “Attraverso gli interventi inoltre saranno avviate o potenziate azioni che promuovono, oltre all’ascolto, all’accoglienza e all’accompagnamento ai servizi territoriali, anche percorsi di supporto legale, consulenza psicologica, sostegno all’autonomia (economica e abitativa), formazione, orientamento e inserimento lavorativo. - affermano i promotori dell’iniziativa - Verranno sperimentate anche metodologie innovative, dedicate sia alle donne che ai minori che hanno assistito ai maltrattamenti, con l’obiettivo di metterne in luce la relazione; verranno promossi percorsi di decostruzione degli stereotipi di genere e di educazione alle differenze nelle scuole».

Sono due i progetti in Sicilia: «Venti a favore delle donne: percorsi di libertà per donne che subiscono violenza» a Catania - Adrano - Paternò - Misterbianco - Motta Sant’Anastasia  per «potenziare i servizi di emersione e contrasto alla violenza di genere per donne disabili, migranti e in gravidanza, garantendo la presa in carico di 150 donne maltrattate». E ancora il progetto Vita - Violenza verso le donne: Iniziative Territoriali per l’Autonomia a Cefalù, Crini, Misilmeri, Lercara Friddi, Corleone, Partinico, Palermo (Sicilia). Le attività culturali, realizzate in 7 scuole dell’area metropolitana di Palermo, coinvolgeranno 440 insegnanti e 70 famiglie di minori nella fascia di età 4-7. I progetti permetteranno di raggiungere oltre 2.000 donne, in tutte le regioni in cui si svolgeranno i progetti, che hanno subito violenza e di sostenerne più di 1.600 in percorsi individuali di sviluppo e potenziamento dell’autonomia e dell’autodeterminazione personale. Circa 1.000 donne potranno acquisire maggiore consapevolezza e un livello di autonomia abitativa e lavorativa tale da facilitare l’allontanamento dall’ambiente familiare violento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X