Venerdì, 30 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Gli annegamenti estivi terza causa di mortalità nel mondo, il decalogo della sicurezza
RAPPORTO OMS

Gli annegamenti estivi terza causa di mortalità nel mondo, il decalogo della sicurezza

Secondo l’Oms la terza causa di morte nel mondo è l’annegamento nelle acque interne, fiumi, laghi, bacini artificiali. Una vera e propria strage, le vittime sono sopratutto di sesso maschile, spesso giovani o giovanissimi. In Italia  la fascia di età con un numero di decessi più alto è quella fra i 15 e i 19 anni.
Numeri agghiaccianti, che sottolineano la pericolosità della balneazione e che riportano all'attenzione comune la necessità del rispetto del decalogo delle 10 regole di sicurezza per il bagnante:

1) valutare le capacità natatorie in relazione alle condizioni climatiche (temperature, onde, vento), alle correnti e alle altezze (in caso di tuffo);

2) mai avventurarsi da soli lontano dalla riva;

3) prestare attenzione all'escursione termica all'ingresso in acqua;

4) non entrare in acqua se non in perfette condizioni di salute;

5) attendere tre ore dai pasti;

6) non forzare le proprie prestazioni fisiche;

7) non tuffarsi da mezzi di navigazione sia fermi che in movimento;

8) non avventurarsi in apnee e prestare attenzione all'iperventilazione;

9) non arrampicarsi sulle scogliere;

10) nuotare nelle apposite aree riservate ai bagnanti (se vi sono) e in ogni caso mantenersi a distanza di sicurezza dai natanti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X