Mercoledì, 19 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Contrabbando di sigarette, il gip di Palermo convalida tre arresti e i sequestri
L'INCHIESTA

Contrabbando di sigarette, il gip di Palermo convalida tre arresti e i sequestri

Il gip di Palermo Piergiorgio Morosini ha convalidato i fermi di tre degli indagati dalla Procura Europea (Eppo) nella sua articolazione palermitana per un maxicontrabbando di sigarette. Per Antonino Leonardo Giulio Di Maio e Fabio Bruno è stata anche disposta la custodia cautelare in carcere.

Convalidati anche i sequestri

Il gip ha anche convalidato i sequestri disposti dai pm Gery Ferrara e Amelia Luise: un’Audi intestata a uno dei fermati che percepiva il reddito di cittadinanza, due moto e una Smart coupé. Il magistrato ha rigettato l’eccezione di incompetenza delle difese che avevano sostenuto che sui fatti non avrebbe dovuto indagare la Procura Europea e ha riconosciuto l’aggravante della transnazionalità. Le due bande che gestivano il contrabbando operavano tra la Sicilia e la Tunisia.

Uno degli indagati è ancora latitante

I fermi degli altri otto indagati devono essere convalidati dal gip di Marsala. Uno dei contrabbandieri è latitante. Quello dei pm siciliani è il primo provvedimento di fermo di Eppo dalla sua creazione. Le indagini, condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo Gico con intercettazioni telefoniche e ambientali, appostamenti, pedinamenti e videoriprese, hanno consentito di scoprire due organizzazioni criminali in affari fra loro. La prima, con basi operative nella provincia di Trapani e in Tunisia, si occupava di reperire le sigarette di contrabbando e di organizzare le spedizioni illecite via mare dalle coste africane in Italia. La seconda, nel palermitano, acquistava all’ingrosso le sigarette introdotte in modo illegale per poi destinarle al mercato della vendita al dettaglio nel capoluogo siciliano. Se immesse sul mercato, le sigarette di contrabbando avrebbero fruttato guadagni illeciti per 3,5 milioni di euro, generando un danno per le casse dell’Unione Europea e dell’Erario nazionale di oltre 6 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X