Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vaccino Astrazeneca, ecco i casi sospetti in Sicilia: docente di musica in coma a Messina
LE INCHIESTE

Vaccino Astrazeneca, ecco i casi sospetti in Sicilia: docente di musica in coma a Messina

astrazeneca, coronavirus, vaccino, Sicilia, Cronaca
Il Policlinico di Messina

La morte di Cinzia Pennino, l'insegnante di 46 anni morta a Palermo 10 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Astrazeneca, non è l'unico caso sospetto in Sicilia. A Messina preoccupano le condizioni di una docente di musica di 55 anni di una scuola media, in coma profondo a causa di una trombosi.

La donna, che è attualmente ricoverata e monitorata nella Rianimazione neurochirurgica del Policlinico, aveva ricevuto la prima dose l’11 marzo e subito aveva accusato febbre alta e un forte mal di testa. La tac, dopo il ricovero d’urgenza ha evidenziato una trombosi alla vena cava inferiore, alla vena porta e giugulare, all’encefalo e un’embolia polmonare.

La Procura di Messina ha aperto un’indagine sul caso. Sulla vicenda sono stati sentiti in Questura i familiari della donna ed il medico di famiglia. Intanto la signora è in coma e non sono attualmente visibili miglioramenti. «Il gravissimo quadro trombocitopenico con l’assenza di sintomatologie pregresse, unitamente alla diffusione di trombosi, in particolare al seno venoso cerebrale - ha detto l’avvocato Daniela Agnello, che assiste i familiari - appare collegarsi direttamente con la somministrazione del vaccino AstraZeneca».

Ma i casi sospetti in Sicilia non finiscono qui, tanto che sono almeno tre le indagini aperte. A Gela sono state sequestrate le cartelle cliniche di Zelia Guzzo, docente di 37 anni, di cui è stata dichiarata la morte cerebrale per  trombosi ed emorragia al cervello, e che si era sottoposta alla vaccinazione con AstraZeneca. E poi ci sono le inchieste di Catania e Messina

A Catania l’inchiesta riguarda Stefano Paternò, il sottoufficiale di 43 anni deceduto nella sua abitazione di Misterbianco, sedici ore dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino prodotto dall’Università di Oxford mentre la Procura di Messina vuole capire di più sulla morte per trombosi di Davide Villa, il poliziotto deceduto il 7 marzo, dodici giorni dopo essersi vaccinato anche lui con AstraZeneca. Sul caso di Villa dieci giorni fa si è pronunciato il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro secondo cui dai primi accertamenti "non sussistono fattori genetici predisponenti ad eventi trombotici a carico del Villa, mentre invece dalla storia clinica pregressa dello stesso risulta che questi rientrava nelle categorie per le quali è raccomandata la somministrazione di un diverso vaccino".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X