Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Deroghe, seconde case e divieti: come sarà il Natale. Le domande (e le risposte) sul nuovo decreto
LE REGOLE

Deroghe, seconde case e divieti: come sarà il Natale. Le domande (e le risposte) sul nuovo decreto

coronavirus, Dpcm, natale, zona rossa, Sicilia, Cronaca
Shopping natalizio il 19 dicembre a Palermo

Questo Natale sarà di difficile o almeno "diverso", come lo hanno definito da più aperti. Tra deroghe, divieti e autocertificazioni, gli italiani si preparano alle feste di Natale in pandemia.

Il nuovo decreto di venerdì ha fissato i paletti entro i quali ci si potrà muovere dal 24 dicembre fino al 6 gennaio, proprio nei giorni considerati più a rischio per assembramenti e aggregazioni fuori controllo. Ma che l'Italia sia arancione (nei giorni 28,29,30 dicembre e 4 gennaio) o rossa (nei giorni 24,25,26,27,31 dicembre e 1,2,3,5,6 gennaio) saranno comunque concessi spostamenti all'interno della propria regione. Si potranno raggiungere case private, però, solo in due o con minori di 14 anni e una sola volta al giorno. Concessa anche la presenza di persone disabili e "non autosufficienti conviventi".

Per spostarsi, inoltre, bisognerà munirsi della nuova autocertificazione, praticamente identica a quella che accompagnava il Dpcm del 3 dicembre, salvo l'esclusione nel testo della Regione in cui ci si sta dirigendo perché proibito dalla nuova norma.

Confermate le sanzioni per eventuali violazioni, che potranno essere contestate anche nei giorni successivi al controllo. Gli spostamenti sono, ovviamente, concessi anche per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o salute. Nei giorni considerati arancioni chi risiede in un comune con meno di 5.000 abitanti potrà spostarsi anche nei comuni vicini, entro un raggio di 30 chilometri. Una norma, però, per la quale sono previste le stesse deroghe spiegate nel decreto, ossia spostarsi all'interno della propria regione per andare a trovare parenti o amici una volta al giorno.

Abbiamo raccolto le risposte ad alcune delle domande più frequenti.

Cosa posso fare in «zona arancione»?

Si potrà andare nei negozi, che sono aperti fino alle 21, niente bar e ristoranti, che saranno chiusi (ma si può prendere cibo da asporto fino alle 22, e ordinare a domicilio).

Si può uscire dal proprio comune?

Uscire dal proprio comune è, in linea generale, vietato. Ci sono però, come detto sopra, alcune importanti deroghe: oltre alla possibilità di farlo per lavoro, salute o necessità e urgenza, sono consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti il 28, 29, 30 dicembre e il 4 gennaio. È possibile percorrere una distanza «non superiore a 30 chilometri dai relativi comuni», ma è vietato recarsi nel capoluogo di provincia. Non solo: si può andare — al massimo in due, e con un solo spostamento al giorno — a trovare un parente o un amico, anche fuori comune (ma all’interno della propria regione). Nei giorni 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020, e nei giorni 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021 vale solo questa seconda deroga, quella dello spostamento per andare a fare visita ai parenti o agli amici (con le regole esposte sopra: al massimo in due, non includendo minori, disabili o persone non autosufficienti; al massimo con uno spostamento per giorno). In tutto questo periodo, sia nei giorni «rossi» sia in quelli «arancioni», si può anche andare in una seconda casa di proprietà, a patto che sia all’interno della propria regione.

Le forze dell'ordine potranno bussare alle porte dei cittadini per controllare quante persone e chi vi è all'interno delle abitazioni?

No, l'intervento delle forze dell'ordine è possibile solo se vi è il sospetto che in un'abitazione si stia commettendo un reato. Verranno comunque disposti servizi di controllo capillari sugli spostamenti, sarà necessario autocertificare il motivo dell'uscita da casa.

Io e il mio coniuge/partner viviamo in città diverse per esigenze di lavoro (o per altri motivi). Sarà possibile per me o per lui/lei raggiungerlo/a, anche dopo il 21 dicembre, per trascorrere insieme le feste?

Sarà possibile se il luogo scelto per il ricongiungimento coinciderà con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l’abitazione.

Il giorno di Natale devo restare a casa solo con i familiari conviventi?

No, è possibile invitare due persone, familiari o anche semplici amici e conoscenti, a cui possono aggiungersi i loro figli sotto i 14 anni o persone disabili.

Il giorno di Natale posso andare da parenti o amici?

Sì. Posso andarci solo o con un'altra persona (più eventuali bambini).

Per uscire o andare a trovare altre persone occorre l’autocertificazione?

Sì, nei giorni festivi e prefestivi in cui l’Italia è zona rossa serve sempre per giustificare lo spostamento.

Nell'autocertificazione devo scrivere il nome di chi vado a trovare?

No, non è richiesto. Per quanto prevede la legge sulla privacy i cittadini non sono tenuti a indicare il nome delle persone che si incontrano. Resta ferma però l'obbligatorietà di indicare l’indirizzo di partenza e di arrivo, come si legge nel modulo.

Una famiglia di quattro persone, con due figli minorenni ma maggiori di 14 anni, può andare a Natale da altre persone?

No, una famiglia di quattro persone così composta non può spostarsi. Può spostarsi solo se i due figli hanno meno di 14 anni.

È possibile fare il pranzo di Natale da alcuni parenti/amici e poi tornarci per cena. O cenare da altri?

No, la deroga per gli spostamenti consente di muoversi verso una abitazione una sola volta al giorno.

Io e la mia famiglia ci trasferiremo nella nostra seconda casa, in un’altra regione, entro il 20 dicembre. Io dovrò tornare al lavoro, nella regione di provenienza, per alcuni giorni. Potrò tornare da loro entro il 6 gennaio?

No. Gli spostamenti verso le seconde case in una regione diversa dalla propria sono consentiti soltanto entro il 20 dicembre e dopo il 7 gennaio e comunque esclusivamente se il luogo di partenza e quello di destinazione si trovano entrambi in area gialla.

Chi può spostarsi deve rispettare il coprifuoco?

Sì, gli spostamenti sono consentiti esclusivamente dalle 5 alle 22 e, il primo dell’anno, dalle 7 alle 22.

Nei giorni festivi posso andare a Messa?

Sì, la partecipazione alle funzioni religiose è consentita. La vigilia di Natale la Cei anticipa le funzioni in modo da consentire il rientro a casa per le 22. L’invito è di andare nella chiesa più vicina e di portare con sé l’autocertificazione.

È possibile andare in una seconda casa in un’altra regione?

No dal 24 dicembre al 6 gennaio.

Si può raggiungere la seconda casa nella stessa regione anche nei giorni festivi e prefestivi in cui è vietato uscire anche dal proprio Comune?

Sì, tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, è comunque sempre possibile raggiungere le seconde case nel territorio regionale.

Se mi trovo già in una seconda casa ma in un’altra regione devo aspettare il 7 gennaio per rientrare?

No, il ritorno alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre consentito.

Gli alberghi sono aperti? Posso prenotare un soggiorno anche durante i giorni in rosso?

Per raggiungerli ci si può spostare, sempre nella propria regione, solo fino al 23 dicembre.

Bar e ristoranti sono aperti? È possibile uscire per andare a ritirare cibo da asporto?

Dal 24 dicembre fino al 6 gennaio saranno chiusi e potranno lavorare solo con l’asporto o con il domicilio.

I genitori separati/affidatari possono spostarsi tra il 21 dicembre e il 6 gennaio per andare in comuni/regioni diverse o all’estero per trascorrere le feste con i figli minorenni, nel rispetto dei provvedimenti del giudice o degli accordi con l’altro genitore?

Sì, come già precisato, questi spostamenti rientrano tra quelli motivati da “necessità”, pertanto non sono soggetti a limitazioni. Nel caso di spostamenti da/per l’estero, è comunque necessario consultare l’apposita sezione sul sito del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale per avere informazioni sulle specifiche prescrizioni sanitarie relative al Paese da cui si proviene o ci si deve recare.

Ho dei parenti non autosufficienti che vivono in casa da soli, in un altro comune/regione, e ai quali periodicamente do assistenza. Potrò continuare a farlo anche dal 21 dicembre al 6 gennaio? Potranno venire con me anche il mio coniuge/partner e i nostri figli?

Lo spostamento per dare assistenza a persone non autosufficienti sarà consentito anche dal 21 al 6 gennaio, anche tra comuni/regioni in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso comune/regione. Non è possibile, comunque, spostarsi in numero superiore alle persone strettamente necessarie a fornire l’assistenza necessaria.

In caso di violazione dei più stringenti divieti di spostamento previsti dal dpcm durante le prossime festività si applica comunque la consueta sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro?

Sì, la sanzione applicabile rimane quella amministrativa, da 400 a 1.000 euro, in quanto prevista dall’articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X