Giovedì, 24 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione nella sanità in Sicilia, la mezza confessione di Damiani: "Purtroppo ho preso quei soldi"
L'INCHIESTA

Corruzione nella sanità in Sicilia, la mezza confessione di Damiani: "Purtroppo ho preso quei soldi"

corruzione, sanità, Fabio Damiani, Sicilia, Cronaca
Il direttore generale dell'Asp di Trapani, Fabio Damiani

Fabio Damiani, ex dirigente dell'Asp di Trapani, ammette parte delle sue colpe: "Purtroppo li ho presi", dice in carcere, davanti ai pm, tra tanti omissis e con  più d’una reticenza. Prova anche a negare ma, come riporta un articolo di Riccardo Arena sul Giornale di Sicilia in edicola, poi ammette: "Effettivamente - dice a verbale - ho ricevuto da Salvatore Manganaro 50 mila euro, il 4 dicembre 2018". Oltre a questi dirà che ne ha presi altri e di avere anche un bancomat a sua disposizione.

Il pool coordinato dal procuratore aggiunto Sergio Demontis ha in mano altre dichiarazioni - anche queste parziali, - di Manganaro. Pure lui in carcere dal 21 maggio e rimasto lì nonostante abbia reso tre interrogatori. Manganaro, assistito dagli avvocati Marco Lo Giudice e Calogero Mattina, tende a parlare degli altri ma nega le proprie responsabilità, che secondo gli inquirenti e il Nucleo di polizia economico-finanziaria discendono dalla lettura comparata delle carte e delle intercettazioni.

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X