Lunedì, 03 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus in Sicilia, i numeri fanno scattare l'allarme: contagi raddoppiati in 7 giorni, tornano anche i casi gravi
L'EPIDEMIA

Coronavirus in Sicilia, i numeri fanno scattare l'allarme: contagi raddoppiati in 7 giorni, tornano anche i casi gravi

di

Se prima era un campanello sentito solo in lontananza, ora il suono dell'allarme è nitido, chiaro e si sente sempre più da vicino. Le uniche due note positive degli ultimi sette giorni, per quanto riguarda l'epidemia di coronavirus in Sicilia, sono i numeri ancora relativamente bassi e il conteggio delle vittime che ormai da due settimane è fermo a quota 283.

Ma i dati dei contagi cominciano a fare di nuovo paura. Per la seconda settimana di fila, infatti, si parla non di aumenti marginali, ma di raddoppi, con percentuali dunque superiori al 100%. Vero, i numeri, come detto, sono ancora molto bassi e dunque le percentuali non stupiscono, ma l'esperienza ci insegna che è così che si inizia, che è così che i focolai sparsi diventano incendi.

Musumeci se n'è subito reso conto e ha chiaramente detto di non escludere misure restrittive, che alle porte di agosto in Sicilia significherebbe, senza mezzi termini, la fine di una già martoriata stagione turistica. I numeri ci dicono, per fortuna, che al momento siamo lontani dal ritorno di un eventuale lockdown, anche a livello nazionale. In Sicilia dall'11 al 18 luglio (migranti esclusi), i nuovi contagi erano stati 17, mentre negli ultimi sette giorni sono stati ben 39. Gli attuali positivi sono 181 contro i 162 della scorsa settimana (+19 per via delle 20 guarigioni), con 164 persone in isolamento.

I ricoveri sono passati poi da 14 a 17, e come se non bastasse sono anche tornati i casi gravi, con due persone in terapia intensiva, ma in settimana si era arrivati anche a tre. E' vero, come dicono gli esperti, la stragrande maggioranza di questi casi è asintomatica o con una sintomatologia lieve, ma anche qui, dicono i medici, nessuno si illuda: il virus c'è e il vento sembra stia cambiando, e stavolta non in positivo.

Per quanto riguarda le provincie e i casi totali di coronavirus dall’inizio dell’epidemia, a preoccupare continua ad essere soprattutto Catania, dove anche nell'ultima settimana sono stati rilevati focolai, e anche Messina con i casi all'Ortopedico. In totale, da febbraio a oggi, sono stati rilevati 814 casi (+25 rispetto al 19 luglio) a Catania, 509 (+2) a Palermo, 481 (+7) a Messina, 439 ad Enna, 331 (+1) a Siracusa, 187 (+1) a Caltanissetta,  138  ad Agrigento, 137 a Trapani e 118 ( ma si tratta ormai per la maggior parti di migranti) a Ragusa.

Numeri che hanno portato la Sicilia ad avere un Rt pericolosamente vicino ad 1: 0,88 per la precisione, raddoppiato rispetto alla settimana scorsa, quand'era fermo a 0,43.  Ecco gli indici Rt di tutte le regioni nel monitoraggio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità con il Ministero della Salute nella settimana dal 13 al 19 luglio. Abruzzo 0,5; Basilicata 0,06; Calabria 0; Campania 0,8; Emilia Romagna1,14; Friuli Venezia Giulia 0,71; Lazio1,04; Liguria 1,06; Lombardia 1; marche 0,62; Molise 0; Pa di Bolzano 0,57; Piemonte 1,07; Provincia Autonoma di Trento 0,38; Puglia 0; Sardegna 0,32; Sicilia 0,88; Toscana 0,99; Umbria 0,3; Valle d’Aosta o,1; Veneto 1,18

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X