Mercoledì, 05 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Intimidazioni ad amministratori, la Sicilia al terzo posto con 66 casi: tendenza in calo
I DATI

Intimidazioni ad amministratori, la Sicilia al terzo posto con 66 casi: tendenza in calo

intimidazioni, Luciana Lamorgese, Sicilia, Cronaca
Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese

Pubblicato l'ultimo Rapporto di Avviso Pubblico sugli «Amministratori sotto tiro». Per il terzo anno consecutivo la Campania si conferma la regione con il maggior numero di intimidazioni (92 casi censiti). Segue la Puglia (71) che ha fatto segnare il maggior incremento di tutto il territorio nazionale rispetto al 2018. Terzo posto per la Sicilia con 66 casi, in netta controtendenza (-24%) rispetto al recente passato.

Gli atti intimidatori contro gli amministratori locali "costituiscono una tematica attuale di estrema delicatezza, specie in questa fase del emergenza Covid. Il fenomeno è in crescita e richiede attenzione perché i sindaci e gli amministratori rappresentano il punto di riferimento immediato per le comunità provate dagli effetti della pandemia". Lo ha detto la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, intervenendo alla presentazione del rapporto 'Amministratori sotto tiro' realizzato da Avviso pubblico.

"L'intimidazione contro un sindaco - ha sottolineato Lamorgese - non solo è un'offesa alla comunità, ma è una lesione dei valori alla base del vivere civile, del principio democratico". La ministra ha quindi invitato gli amministratori "a denunciare gli episodi per erodere la cosiddetta 'cifra oscura': noi dobbiamo conoscere per poter intervenire". L'Osservatorio sul tema del Viminale indica 654 episodi avvenuti nel 2019 (+11% rispetto al 2018), di cui "ben 347 di origine ignota". Lo Stato, ha concluso la ministra, "deve essere vicino agli amministratori locali minacciati e deve dimostrarlo con maggiore concretezza".

L’anno scorso il 61% del totale dei casi di intimidazioni e minacce ad amministratori locali (342) si è registrato nel Mezzogiorno, in particolare il 42.6% dei casi al Sud (percentuale stabile rispetto al 2018) e il 18.6% nelle Isole (in calo): il restante 39% (217 casi) si è verificato nel Centro-Nord, dove però si riscontra un aumento del 5.5% degli episodi rispetto al 2018. Deciso l’incremento dei casi complessivi nelle regioni del Nord (da 102 a 147), in calo quelli del Centro (70 casi).

Si conferma sui livelli dell’anno precedente la Calabria, con 53 casi, mentre sale al quinto posto la prima regione non meridionale: con 46 atti intimidatori la Lombardia segna un nuovo, poco lusinghiero record per le regioni del Centro-Nord. In calo i casi censiti in Sardegna (38), stabile il Lazio (36). A chiudere la 'top ten' ci sono l’Emilia Romagna (29, in aumento), la Toscana (24, in netto calo) e il Veneto (23).

A livello provinciale si registra un’altra conferma: anche nel 2019 il territorio più colpito è Napoli con 41 casi (seppur in calo del 13% rispetto all’anno precedente). Seguono Roma (24 casi), Cosenza (22), Foggia (21), Palermo e Torino (18), Salerno e Lecce (17), Milano (16) e Avellino (15).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X