Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Geloni agli arti inferiori nei bambini, 100 segnalazioni dei pediatri in 20 giorni
ANOMALA FREQUENZA

Geloni agli arti inferiori nei bambini, 100 segnalazioni dei pediatri in 20 giorni

Aumentano le segnalazioni di lesioni agli arti inferiori dei bambini, simili ai geloni, che secondo i pediatri potrebbero in qualche modo essere correlate al virus SarsCov2. In 20 giorni sono stati segnalati dalla rete dei pediatri di famiglia 100 casi di 'erythema pernio-like', simili ai geloni.

"Registriamo un'anomala frequenza dei cosiddetti geloni - sottolinea il segretario nazionale Attività Scientifiche ed Etiche della Federazione italiana medici pediatri Fimp, Mattia Doria -. Se fosse confermato il legame con il nuovo coronavirus, la manifestazione dei sintomi potrebbe diventare indicatore di caso sospetto".

Non sappiamo, segnala, "se queste lesioni possano essere correlate all'epidemia di Covid-19. Solo alcuni dei pazienti osservati, per lo più privi di altri sintomi, hanno avuto la possibilità di accertamenti di laboratorio. Tuttavia, la coincidenza cronologica dei due eventi e la possibilità che fra i meccanismi patogenetici della infezione da Covid-19 possano rientrare alterazioni vascolari, lascia spazio alla non ancora verificata ipotesi che la comparsa di lesioni a carico delle estremità Erythema Pernio-Like possa rappresentare una espressione cutanea di questa infezione nel bambino".

Tale quadro, ricorda, "sarebbe compatibile con la manifestazione della malattia nell'adulto: lesioni dermatologiche sui piedi sono state osservate in molti pazienti ricoverati con Covid-19, in Italia, Cina, Spagna e Francia. Un'ipotesi peraltro confermata da un gruppo di studio di dermatologi spagnoli e pubblicata dal British Journal of Dermatology".

I geloni, sottolinea l'esperto, sono un problema già poco comune in età pediatrica nella stagione invernale, ma residuale in primavera, e comunque mai osservato con questa incidenza: nel periodo 8-27 aprile 2020 sono state raccolte le schede di 100 bambini e adolescenti nei quali si erano registrate lesioni simili. Ma in appena il 14% è stato possibile effettuare un tampone rinofaringeo per Sars-Cov-2 e di questi solo un bambino è risultato positivo".

"Occorreranno certo maggiori studi clinici ed epidemiologici - conclude Doria - per verificare la possibile correlazione fra insorgenza di lesioni Erythema Pernio-like, mai osservate in questa misura prima del febbraio 2020, e l'infezione da Covid-19, e magari per usare la manifestazione cutanea come campanello d'allarme di una positività. I pediatri di famiglia continueranno a monitorare il fenomeno". ANSA

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X