Lunedì, 24 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus: le edicole rimangono aperte come farmacie, supermercati e ospedali

Coronavirus: le edicole rimangono aperte come farmacie, supermercati e ospedali

Il sottosegretario all'editoria Andrea Martella sottolinea l’importanza dell'informazione: su carta, sul web, in tv. "L'informazione è uno degli antidoti cruciali nella lotta contro il diffondersi del Coronavirus", dice. Ma le parole non bastano se si vuole evitare anche il black out delle notizie dopo quello dei rapporti sociali. "Mai come in questo momento vale il principio costituzionale di un aiuto dello Stato al settore. Significa che la filiera della carta stampata va tenuta in piedi e non interrotta: editori, stampatori, distributori, edicole".

Il sottosegretario chiama e le edicole rispondono: meno dell’8% sono chiuse, principalmente quelle che hanno dovuto farlo in ottemperanza al D.P.C.M. dell’11 marzo 2020. Gli edicolanti continuano a esercitare il loro ruolo di “presidio di civiltà”, a distribuire informazione, a esserci. La distanza di sicurezza di un metro dal cliente è assicurata per chi lavora all’interno di un chiosco, ma non era garantito che gli edicolanti continuassero a tenere aperto. Invece gli edicolanti (e tutta la filiera) sono sul campo anche questi momenti: con coraggio e spirito di servizio. Una risposta forte, ben prima che l’aiuto dello Stato si sia concretizzato.

E rispondono anche i distributori nazionali e locali che, pur potendo solo in piccola parte lavorare in smart working, continuano ad assicurare continuità di servizio agli editori e alle edicole, a garantire i rifornimenti di quotidiani e di periodici, senza cadere in recriminazioni o disimpegni dettati dal calo delle vendite.

I lavoratori non prendono più treni e metropolitane, il traffico pedonale deve essere limitato al minimo, le attività commerciali sono doverosamente chiuse ma il giornale in edicola non può mancare.Consapevolezza del momento, fiducia nelle istituzioni e grande senso di responsabilità.

Al fianco di editori e stampatori, i distributori nazionali sono uniti nel sostenere quanto affermato dal sottosegretario Martella: l’informazione è uno dei servizi pubblici essenziali e pertanto, anche se duramente colpiti dall'emergenza e dalla carenza di risorse economiche, edicole e distributori continuano e continueranno a dare il loro contributo e fare la loro parte.

Sul sito www.primaedicola.it/edicoleaperte i lettori possono trovare le edicole aperte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X