Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tangenti per l'eolico, l'assessore regionale Pierobon sentito in procura
L'INCHIESTA

Tangenti per l'eolico, l'assessore regionale Pierobon sentito in procura

L’assessore regionale all’Energia Alberto Pierobon è arrivato in Procura, a Palermo, per essere sentito come persona informata sui fatti dall’aggiunto della Dda Paolo Guido e dal pm Gianluca De Leo nell’ambito dell’inchiesta su un giro di mazzette alla Regione, pagate per facilitare il rilascio di autorizzazioni per la realizzazione di impianti di energie rinnovabili.

Un affare di oltre 15 milioni con al centro l'imprenditore mafioso Vito Nicastri e il faccendiere Paolo Arata, arrestati insieme ai rispettivi figli e ai due funzionari della Regione che avrebbero preso le tangenti, e accusati, a vario titolo, di corruzione e intestazione fittizia di beni.

Nella stessa indagine, nelle scorse settimane, sono stati sentiti il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè e gli assessori regionali alle Attività produttive e al Territorio Mimmo Turano e Totò Cordaro. Cordaro ha raccontato ai pm di aver avuto l’impressione che il collega di Giunta Pierobon sollecitasse l’evasione celere di due pratiche riferibili a impianti che dovevano essere realizzati da una società riconducibile ad Arata.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X