Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ROMA

Il processo Cucchi slitta, un giudice si astiene: "Sono un ex carabiniere"

Colpo di scena al processo a carico degli otto carabinieri accusati dalla procura di aver «depistato» l’inchiesta sul pestaggio in caserma di Stefano Cucchi. L’udienza, prevista questa mattina al tribunale monocratico, è stata rinviata perchè il giudice Federico Bona Ggalvagno si è astenuto in quanto ex carabiniere ora in congedo. La richiesta di astensione era stata presentata dal legale della famiglia Cucchi e dalle altre parti civili.

Nel motivare la scelta di astenersi il giudice Federico Bona Galvagno ha citato sia i suoi rapporti personali con alcuni alti ufficiali, tra cui l’ex comandante generale dell’Arma dei carabinieri Tullio Del Sette, sia il fatto di aver partecipato a una serie di eventi sempre alla presenza del generale. Galvagno ha spiegato in aula che essendo questo sui falsi e sui depistaggi legati al caso Cucchi un processo mediatico, un clima di «sospetto» avrebbe potuto influire sul sereno svolgimento del dibattimento. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 16 dicembre.

Il ministero della Giustizia ha presentato istanza di costituzione di parte civile al processo sui depistaggi nel caso Cucchi, che vede imputati otto carabinieri, tra cui alti ufficiali. Tra le parti civili già costituite, la presidenza del Consiglio dei ministri e l’Arma.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X