Domenica, 21 Luglio 2019
VIMINALE

Caso Sea Watch, la corte di Strasburgo boccia il ricorso dei migranti

È stato respinto, fa sapere il Viminale, il ricorso presentato dai migranti soccorsi sulla Sea Watch alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco. Un esposto alla Procura della Repubblica di Roma per richiedere una verifica su "eventuali aspetti penalmente rilevanti" nell'attuale blocco della Sea Watch 3 al largo di Lampedusa è stato presentato dal Garante nazionale per i diritti dei detenuti.

Il Garante, spiega una nota, "non può né intende intervenire su scelte politiche che esulano dalla propria stretta competenza. Tuttavia, è suo dovere agire per fare cessare eventuali violazioni della libertà personale, incompatibili con i diritti garantiti dalla nostra Carta, e che potrebbero fare incorrere il Paese in sanzioni in sede internazionale".

In particolare, l'Autorità ribadisce che "le persone e loro vite non possono mai divenire strumento di pressione in trattative e confronti tra Stati. Ritiene inoltre che la situazione in essere richieda la necessità di verificare se lo Stato italiano, attraverso le sue Autorità competenti, stia integrando una violazione dei diritti delle persone trattenute a bordo della nave".

"Anche la Corte Europea di Strasburgo conferma la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell'Italia: porti chiusi ai trafficanti di esseri umani e ai loro complici. Meno partenze, meno sbarchi, meno morti, meno sprechi. Indietro non si torna". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini commentando la decisione della Cedu sul ricorso presentato dai migranti della Sea Watch. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X