Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL PROVVEDIMENTO

Inchiesta sull'eolico, la Regione revoca le concessioni ad alcune società

Il dirigente generale del dipartimento dell’Energia Salvatore D’Urso, d’intesa con il governatore Nello Musumeci, ha disposto la sospensione immediata e l’avvio del procedimento di revoca delle autorizzazioni ad alcune delle società finite al centro dell’indagine sulle energie rinnovabili emersa nei giorni scorsi.

I provvedimenti prendono spunto dall’articolo 3 del Patto di integrità (il cosiddetto Codice Vigna), sottoscritto tra le società interessate e la Regione e “congelano” le autorizzazioni a suo tempo rilasciate per la produzione e il trasferimento di energia elettrica prodotta da fotovoltaico o eolico.

In particolare, si tratta delle società: “Sunpower”, per un impianto (in realtà non ancora realizzato) da 55 megawatt nel territorio di Carlentini e Melilli, in provincia di Siracusa; Etnea per dieci collegamenti alla Rete elettrica nazionale per altrettanti impianti di mini-eolico a Calatafimi-Segesta nel Trapanese.

Sono stati inoltre sospesi i procedimenti in corso per autorizzare due impianti per la produzione di biometano richiesti dalla società “Solgesta”. In quest’ultimo caso, è stata rilevata anche l’enorme sproporzione fra l’investimento previsto (oltre 80 milioni di euro) e il capitale sociale versato (2.500 euro), nonché il mancato nulla-osta da parte della Società d’ambito dei rifiuti.

Sempre d’intesa con il presidente della Regione, il dirigente generale del Dipartimento tecnico regionale Salvatore Lizzio ha assunto le funzioni di capo del Genio civile di Palermo, a seguito dell’autosospensione dell’ingegnere Alberto Tinnirello, chiamato in causa nell’inchiesta sulle energie rinnovabili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X