Martedì, 17 Settembre 2019
NEL FERRARESE

Uccisa una guardia, braccato il killer: è l'assassino di Budrio

barista, Budrio, killer, Sicilia, Cronaca
Igor Vlacavic

PORTOMAGGIORE. Una guardia provinciale uccisa, un’altra ferita gravemente, lungo la strada Mondo Nuova, a circa otto chilometri da Portomaggiore (Ferrara) e tutto porta a ipotizzare che a sparare sia stato Igor Vaclavic, 41 anni, ricercato per una serie di rapine commesse nel Ferrarese nell’estate 2015, e sospettato di essere l’assassino del barista Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola una settimana fa a Budrio. Stasera avrebbe sparato dopo essere stato fermato per un controllo casuale. Poi la fuga a bordo di un Fiorino, proseguita a piedi. E una imponente caccia all’uomo.

Poco dopo l’uccisione della guardia e il ferimento dell’altra Vaclavic è stato intercettato dai Carabinieri tra Marmorta e Molinella, nel Bolognese, al confine con la provincia di Ferrara, ma ha abbandonato il mezzo ed è fuggito a piedi per i campi. L’uomo è braccato ed è in corso nella zona un 'rastrellamentò, con anche la partecipazione di forze speciali. Una caccia all’uomo resa difficoltosa anche dal fatto che si tratta di una zona umida valliva, con vari specchi d’acqua paludosi.
Peraltro secondo le ultime verifiche Vaclavic, che ha molti alias, non sarebbe russo - come sembrava all’inizio della vicenda - ma proveniente da un paese della ex Jugoslavia. Non sarebbe un ex militare, come si era detto.

Sulle tracce di Igor gli investigatori ci sono da sabato scorso, quando Davide Fabbri, barista di 52 anni, è stato freddato con un colpo di pistola a Riccardina di Budrio, durante un tentativo di rapina. Dopo aver sparato al cuore di Fabbri, il killer era uscito dal bar puntando la pistola anche alla moglie, Maria, ma senza sparare. «Non dimenticherò mai quegli occhi - aveva detto la donna - non ho visto un barlume di pietà per nessuno di noi».

Vaclavic ha un curriculum criminale considerato fin dall’inizio compatibile quantomeno con la rapina della guardia giurata a cui è stata sottratta, a Consandolo, nel Ferrarese, la pistola calibro 9 (una Smith&Wesson argentata) utilizzata per l'omicidio di Budrio e probabilmente anche stasera.
Lo slavo era uscito dal carcere nella primavera del 2015, dopo aver scontato una condanna. La Bassa tra Ferrara e Bologna la bazzica da almeno un decennio e già nel 2007 fu arrestato per aver rapinato agricoltori, minacciati con arco e frecce, tra Ferrara e Rovigo.F

Faretra sulle spalle, coltello legato ad una gamba, una bandana nera in testa. Look e armamentario da pellerossa, come il soprannome 'Lupo Solitariò che si dice gli sia stato affibbiato in prigione. La Procura di Ferrara lo accusa di far parte, in altri colpi, della banda che rapì e uccise nel settembre 2015 il pensionato Pier Luigi Tartari, ad Aguscello, fatto di sangue a cui il 41enne non partecipò e per cui sono già state pronunciati due ergastoli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X