Domenica, 26 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Dj Fabo, dopo l'autodenuncia Cappato indagato per "aiuto al suicidio"
EUTANASIA

Dj Fabo, dopo l'autodenuncia Cappato indagato per "aiuto al suicidio"

eutanasia, suicidio assistito, Dj Fabo, Marco Cappato, Sicilia, Cronaca
Marco Cappato

ROMA. Marco Cappato è indagato per aiuto al suicidio in relazione alla morte di Dj Fabo e a seguito dell'autodenuncia di ieri davanti ai Carabinieri. Il pm di Milano Tiziana Siciliano, da quanto si è saputo, ha intenzione di interrogarlo alla presenza di un legale.

Oltre ad autodenunciarsi per portare così «lo Stato ad assumersi le proprie responsabilità», Cappato ieri  davanti ai carabinieri della Compagnia Duomo, a Milano, Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, ha messo a verbale che sta «aiutando anche altri, due persone in particolare hanno già un appuntamento in Svizzera e noi le aiuteremo, una materialmente, l'altra economicamente».

Prima di aggiungere: «Continueremo a farlo in maniera organizzata e reiterata fino a che non saremo fermati». La battaglia di Cappato, «e con me di Mina Welby e Gustavo Fraticelli», per l'eutanasia legale, dunque, va avanti, mentre il pm di Milano Tiziana Siciliano (coordinatore del pool 'ambiente, salute e lavorò), a cui è stato trasmesso subito nel pomeriggio il verbale redatto dai militari che hanno sentito l'esponente dei Radicali per oltre un'ora, ha aperto un fascicolo.

E mentre sul fronte politico il premier Paolo Gentiloni ha detto di guardare «con rispetto al confronto parlamentare che c'è e credo sia doveroso e interpella le coscienze dei singoli parlamentari», su quello strettamente giudiziario il procuratore Francesco Greco ha sottolineato la «complessità» del caso.

«Ciò che ha verbalizzato Cappato - ha spiegato il capo della Procura - sarà valutato sotto tutti i profili giuridici, compresa la giurisprudenza della Cedu, in materia di diritti». Si tratterà «di ricostruire i fatti, è una storia che presenta profili di rilievo sia in termini di principi generali che giuridici, dato che qui c'è una questione di diritto alla vita e alla morte».

Intanto, Cappato spera «di essere incriminato» e di potersi «difendere», perchè «se il processo potesse servire come precedente per superare la situazione di clandestinità di tante persone, allora sarebbe utile». E «se ci sarà l'occasione di difendere davanti a un giudice quello che ho fatto - ha proseguito - lo potrò fare in nome di principi costituzionali che sono più forti di un codice penale scritto in epoca fascista».

L'esponente dei Radicali già davanti ai carabinieri, comunque, non si è tirato indietro di fronte alle sue responsabilità: «Una buona parte dei fatti è avvenuta in Italia e senza ciò che è avvenuto qua e l'aiuto che io ho dato, oggi Fabiano Antoniani sarebbe ancora in quella condizione in cui non voleva più essere».

E ancora: «Io l'ho caricato sulla sua macchina sabato mattina verso le 12 su sua richiesta, aiutandolo a salire e l'ho portato da casa sua, guidando, fino alla clinica Dignitas, dove è stato messo in un letto e là ha ottenuto l'assistenza medica per la morte volontaria».

L'ex parlamentare europeo, però, è andato anche oltre perchè ha dichiarato ai carabinieri che «noi con il sito internet 'Sos eutanasià e l'associazione appositamente predisposta 'Soccorso civile" abbiamo seguito in questi anni un centinaio di persone, fornendo informazioni e aiuto e ora due persone, in particolare, sono in attesa, hanno già un appuntamento in Svizzera e hanno già avuto il 'semaforo verdè». Parlando, infine, con la voce commossa ai cronisti, ha raccontato che Fabo prima di andarsene «mi ha detto 'grazie", e io l'ho detto a lui».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X