Sabato, 20 Luglio 2019
VIA NOMENTANA

Roma, anziano travolto e ucciso da un bus

ROMA. Travolto da un autobus di linea che ha proseguito la corsa. Non c'è stato nulla da fare per Arnaldo Cantani, un 79enne investito poco dopo mezzogiorno a Roma su via Nomentana, all'altezza del quartiere Trieste. In serata la polizia locale ha rintracciato un autobus con tracce compatibili con l'investimento. Si tratta di un bus della linea 82 che presenterebbe tracce sulle ruote e l'impronta della mano della vittima sulla fiancata. «Non mi sono accorto di nulla» avrebbe detto il conducente, ora indagato per omicidio stradale. Da una prima ricostruzione dei vigili urbani, sembra che l'anziano sia inciampato sul marciapiede finendo per terra con parte del corpo sulla corsia preferenziale. Proprio in quel momento, è passato il bus.

La polizia locale ha subito acquisito le immagini delle telecamere ai semafori vicini e la lista dei mezzi di linea che, intorno alle 12.20, sono transitati nel punto dell'incidente. Sono state così avviate le ricerche.  A dare l'allarme è stata una donna alla guida di un'auto che avrebbe assistito alla scena. «È inciampato sul marciapiede, poi è arrivato l'autobus e l'ha investito» avrebbe raccontato sconvolta. Sotto choc i commercianti che si trovano in quel tratto di via Nomentana. «Ho visto macchine e motorini fermarsi - racconta una ragazza che lavora in una pizzeria - ho immaginato che si trattasse di un incidente, ma non pensavo a una tragedia simile. Sono uscita dal negozio e ho visto quell'uomo a terra. È stato terribile. C'era una signora che ha assistito alla scena: era sconvolta. Diceva che quell'uomo con andamento un pò barcollante e inciampato sul marciapiede mentre passava l'autobus».

L'Atac ha fatto sapere di avere «messo immediatamente a disposizione degli inquirenti tutti i mezzi necessari a fare luce sull'incidente». Una squadra tecnica della municipalizzata «ha fornito ausilio alle forze dell'ordine per l'individuazione del bus, eventualmente, coinvolto e per recuperare le immagini dalle telecamere collocate sui bus che ne sono provvisti».

Inoltre è stata avviata anche un'indagine interna le cui conclusioni saranno messe a disposizione della magistratura e delle forze dell'ordine. E non è il primo caso a Roma. Nel febbraio del 2015 un ragazzo di 20 anni, Alessandro Di Santo, fu investito e ucciso da un autobus di notte a piazza Venezia, nel centro storico. Secondo le ricostruzioni dell'epoca, l'autista trentenne del bus della linea N4, gestita dalla società Roma Tpl, sarebbe stato avvicinato da un gruppo di giovani che avvicinandosi al finestrino chiesero all'autista di salire a bordo. Non essendo in area di fermata, il conducente respinse la richiesta e ripartì non accorgendosi di aver investito il giovane. L'autista proseguì la sua corsa fino a quando non fu fermato dalle forze dell'ordine in via Nomentana. L'autista fu denunciato per omicidio colposo e risultò negativo ai test sull'assunzione di sostanze stupefacenti e alcoliche.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X