Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Slavina su hotel nel Pescarese, turisti intrappolati: si temono molti morti
A FARINDOLA

Slavina su hotel nel Pescarese, turisti intrappolati: si temono molti morti

farindola, hotel rigopiano, slavina su hotel, VALANGA, Sicilia, Cronaca
Una foto inviata dalla colonna di soccorritori in viaggio verso l'hotel Rigopiano di Farindola - Ansa

PESCARA. Si temono molti morti all'hotel Rigopiano di Farindola, sepolto ieri da una slavina per l'effetto congiunto di Bufere di neve e terremoto. Trenta le persone considerate disperse, tra turisti e personale, sotto la neve da 24 ore.

Al momento è stato estratto il corpo di una prima vittima, ma i primi soccorritori parlano di «molti morti».

La prima vittima, un uomo, è stata estratta ma scavare in quelle condizioni, raccontano i soccorritori, 'è complicatissimo'. Per raggiungere il resort a quattro stelle di Farindola, in provincia di Pescara, a quota 1.200 metri, il Soccorso Alpino, il primo ad arrivare alle quattro del mattino, ha dovuto usare gli sci.

Impossibile procedere per i mezzi che si sono trovati la strada sbarrata da altre valanghe e alberi caduti. Molto il lavoro per raggiungere la struttura quasi completamente crollata dopo essere stata investita in pieno dalla slavina. Le ambulanze e i mezzi sono bloccati a 9 chilometri, sul posto possono arrivare solo i vigili del fuoco con l'elicottero e un mezzo cingolato che può caricare fino a 8 persone. Due persone che erano rimaste fuori dall'hotel sono state tratte in slavo, una è in stato di ipotermia, ma non in pericolo di vita.

«Sono salvo perchè ero andato a prendere una cosa in automobile». È quanto ha riferito ai medici Giampaolo Parete, 38 anni, che ieri ha lanciato l'allarme per la valanga che ha travolto l'hotel Rigopiano.

La moglie e i due figli di Parete sono sotto le macerie dell'albergo. «È arrivata la valanga - ha detto ancora ai sanitari il 38enne, ricoverato in Rinimazione - sono stato sommerso dalla neve, ma sono riuscito a uscire. L'auto non è stata sepolta e quindi ho atteso lì l'arrivo dei soccorsi».

L'uomo, Giampiero Parete (e non Giampaolo come scritto in precedenza), residente a Montesilvano (Pescara), è cosciente ed è assistito dal personale della Rianimazione dell'ospedale di Pescara e dagli psicologi della Asl. È arrivato in stato di ipotermia, ma il quadro clinico non è preoccupante. È stato lui ieri a lanciare l'allarme al suo datore di lavoro. Poi la lunga attesa dell'arrivo dei soccorsi, insieme all'altro superstite.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X