Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Yara, parla la testimone: "Da un furgone sentii un grido mozzato"
IL CASO

Yara, parla la testimone: "Da un furgone sentii un grido mozzato"

Una donna di Ambivere, Cinzia Fumagalli, ha deposto stamani nel processo a carico di Massimo Bossetti, imputato per l'omicidio di Yara Gambirasio e ha ricordato come, intorno alle 19 del 26 novembre 2010, giorno in cui la tredicenne scomparve, vide davanti a casa sua un furgone chiaro da cui sentì provenire un «grido mozzato a metà»

BERGAMO. Una donna di Ambivere, Cinzia Fumagalli, ha deposto stamani nel processo a carico di Massimo Bossetti, imputato per l'omicidio di Yara Gambirasio e ha ricordato come, intorno alle 19 del 26 novembre 2010, giorno in cui la tredicenne scomparve, vide davanti a casa sua un furgone chiaro da cui sentì provenire un «grido mozzato a metà». La donna ha ripercorso le dichiarazioni che fece agli inquirenti il primo dicembre 2010.

«Ho sentito un grido di una persona giovane, non so dire se maschio o femmina, era un grido mozzato a metà». Cinzia Fumagalli ha parlato di un «furgone chiuso, non con la cabina e il cassone». La testimone, citata dalla difesa di Massimo Bossetti, non ha saputo riconoscere il modello del mezzo. Dopo Cinzia Fumagalli, è stato sentito un bibliotecario di Brembate di Sopra, in servizio nella biblioteca in cui Yara era solita prendere libri in prestito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X