Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tragedia nel mare in Grecia, 11 morti tra cui 2 bambini e 4 neonati
IMMIGRAZIONE

Tragedia nel mare in Grecia, 11 morti tra cui 2 bambini e 4 neonati

Altre 15 persone a bordo dell'imbarcazione di fortuna sono state tratte in salvo da volontari e cittadini dell'isola

ATENE.  Il mare Egeo continua ad inghiottire i migranti ma in Germania l'odio razziale contro i nuovi arrivati non è da meno. Due drammatici naufragi si sono consumati oggi tra le coste greche e quelle turche. Il più grave ha causato un'altra strage di bambini. Ma per chi cerca un futuro migliore non è detto che i pericoli finiscano dopo aver raggiunto la terraferma. In un paese di pace e democrazia, chi è profugo può trovare violenza e odio razziale. Come i due rifugiati siriani che oggi sono stati aggrediti con mazze da baseball nella cittadina tedesca di Wismar, sul mar Baltico. Nella notte di sabato i due siriani erano all'esterno dei loro rifugi quando un gruppo di uomini li ha molestati e picchiati per poi darsi alla fuga. Ora i due rifugiati sono ricoverati in ospedale.

Davanti all'isola greca di Samos oggi si è consumata un'altra tragedia del mare: un'imbarcazione di fortuna è affondata causando 11 i morti, compresi sei bambini (di cui 4 neonati) e cinque donne. I corpi di dieci vittime sono stati recuperati nella cabina dell'imbarcazione, dove sono affogate, mentre il corpo di una ragazza è stato recuperato più tardi sulla spiaggia. Altre 15 persone che si trovavano a bordo dell'imbarcazione sono state tratte in salvo, ma ci sarebbe almeno due dispersi. Qualche miglio più in la si è consumato un altro naufragio. Al largo dell'isola di Farmakonnisi, una nave di Frontex ha recuperato due cadaveri e tratto in salvo altri tre migranti. I tre sopravvissuti hanno raccontato di aver viaggiato su di una barca con 15 persone a bordo colata a picco in acque turche. I morti potrebbero così essere almeno 12.  Quelle di oggi sono solo le ultime di una lunga serie di tragedie. Questa settimana in particolare ha visto un alto tributo di vite umane, soprattutto di bambini.

Al largo delle isole greche di Lesbo, Kalymnos e Rodi più di 60 persone sono annegate, tra queste almeno la metà erano bambini. Solo venerdì scorso solo annegate 22 persone in due naufragi, uno al largo dell'isola greca di Kalymnos, dove sono morte 19 persone, l'altro davanti all'altra isola di Rodi, dove sono annegate tre persone. Delle vittime 12 erano minori. Sempre venerdì altri quattro bambini sono annegati e altri due dispersi in due naufragi al largo della costa egea della Turchia. Il venerdì nero ha fatto seguito a un mercoledì altrettanto nero, quando 24 migranti - 11 dei quali bambini - sono morti in cinque naufragi al largo di Lesbo, Samos e Agathonisi. Intanto, oggi è fallito l'incontro dei tre leader della Grosse Koalition oggi a Berlino sull'emergenza profughi: il nodo controverso delle «zone di transito» è rimasto per ora irrisolto. Le questioni rimaste aperte sono rimandate a un vertice di giovedì, quando esperti della materia del Bund e dei Laender si incontreranno ancora una volta.  Il mare Egeo continua ad inghiottire i migranti ma in Germania l'odio razziale contro i nuovi arrivati non è da meno.

Due drammatici naufragi si sono consumati oggi tra le coste greche e quelle turche. Il più grave ha causato un'altra strage di bambini. Ma per chi cerca un futuro migliore non è detto che i pericoli finiscano dopo aver raggiunto la terraferma. In un paese di pace e democrazia, chi è profugo può trovare violenza e odio razziale. Come i due rifugiati siriani che oggi sono stati aggrediti con mazze da baseball nella cittadina tedesca di Wismar, sul mar Baltico. Nella notte di sabato i due siriani erano all'esterno dei loro rifugi quando un gruppo di uomini li ha molestati e picchiati per poi darsi alla fuga. Ora i due rifugiati sono ricoverati in ospedale. Davanti all'isola greca di Samos oggi si è consumata un'altra tragedia del mare: un'imbarcazione di fortuna è affondata causando 11 i morti, compresi sei bambini (di cui 4 neonati) e cinque donne. I corpi di dieci vittime sono stati recuperati nella cabina dell'imbarcazione, dove sono affogate, mentre il corpo di una ragazza è stato recuperato più tardi sulla spiaggia. Altre 15 persone che si trovavano a bordo dell'imbarcazione sono state tratte in salvo, ma ci sarebbe almeno due dispersi. Qualche miglio più in la si è consumato un altro naufragio. Al largo dell'isola di Farmakonnisi, una nave di Frontex ha recuperato due cadaveri e tratto in salvo altri tre migranti.

I tre sopravvissuti hanno raccontato di aver viaggiato su di una barca con 15 persone a bordo colata a picco in acque turche. I morti potrebbero così essere almeno 12. Quelle di oggi sono solo le ultime di una lunga serie di tragedie. Questa settimana in particolare ha visto un alto tributo di vite umane, soprattutto di bambini. Al largo delle isole greche di Lesbo, Kalymnos e Rodi più di 60 persone sono annegate, tra queste almeno la metà erano bambini. Solo venerdì scorso solo annegate 22 persone in due naufragi, uno al largo dell'isola greca di Kalymnos, dove sono morte 19 persone, l'altro davanti all'altra isola di Rodi, dove sono annegate tre persone. Delle vittime 12 erano minori. Sempre venerdì altri quattro bambini sono annegati e altri due dispersi in due naufragi al largo della costa egea della Turchia. Il venerdì nero ha fatto seguito a un mercoledì altrettanto nero, quando 24 migranti - 11 dei quali bambini - sono morti in cinque naufragi al largo di Lesbo, Samos e Agathonisi. Intanto, oggi è fallito l'incontro dei tre leader della Grosse Koalition oggi a Berlino sull'emergenza profughi: il nodo controverso delle «zone di transito» è rimasto per ora irrisolto. Le questioni rimaste aperte sono rimandate a un vertice di giovedì, quando esperti della materia del Bund e dei Laender si incontreranno ancora una volta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X