Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL COMMENTO

Incidenti stradali in Sicilia, la tragica conta e i troppi silenzi

di

PALERMO. Il tema rimane caldo, anzi scottante. Ma se ne parla praticamente solo nelle cronache dei giornali. Inchiostro per descrivere sangue, per raccontare di quotidiane tragedie della strada, di irresponsabili al volante e inesperienza alla guida. E, al tirar delle somme, di un altro morto in più.
Di una lista che si allunga in un serpentone senza fine affidato al caso, alla sorte, al fato.
Ieri questa terribile roulette russa ha colpito un imprenditore del Belice in sella alla sua Suzuki dopo lo scontro con un' auto. Quasi banale nella sua tragicità. E ciò fa ancora più orrore. Il tutto mentre, dalla parte opposta dell' Isola, si scopriva che dietro alla strage del sabato sera di Paternò - quattro giovanissimi morti - c' era quasi certamente una gara fra moto di grossa cilindrata conclusasi nel peggiore dei modi, coinvolgendo una coppia di fidanzatini che andavano per la loro strada.
Già, il fato, il destino. Che non è un alibi. Ma una colpa maggiore.
Proprio dopo la storiaccia di Paternò intervistavamo un esperto di sicurezza in moto come Claudio Angeletti, presidente dell' associazione Safe Riders e autore di libri sull' argomento. Il quale additava una sacrosanta verità: l' irresponsabilità e l' inesperienza in moto sono notevolmente maggiori che in auto, tanto quanto è maggiore il rischio di farsi seriamente male.
Non è argomento sufficiente per riaprire un dibattito su cui la politica dovrebbe interrogarsi (prima) e intervenire (subito dopo)? E invece il tema rimane ai margini di ogni tavolo amministrativo, legislativo, giuridico. Contare i morti sembra rimanere al momento l' unico modo per affrontare l' argomento. Ma le gare clandestine e l' alta velocità, l' inesperienza al volante e la carenza di controlli sono colpe, non casi. Proprio ieri il vice ministro per le Infrastrutture Riccardo Nencini ha promesso che il 21 ottobre andrà in aula alla Camera la proposta di legge sull' omicidio stradale, che dovrà poi torna real Senato per il voto finale entro l' anno. Aspetteremo. Confidando intanto nel fato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X