Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca In Sicilia via all'abbattimento dei cinghiali anche in aree protette
LEGGE IN VIGORE

In Sicilia via all'abbattimento dei cinghiali anche in aree protette

Già pronto il piano dell'ente parco Madonie, «si inizierà a metà settembre», dice l'assessore Barresi. Il M5S: «Perché mai attuati i programmi di cattura?»
abbattimento cinghiali, m5s, Rosaria Barresi, Sicilia, Cronaca
L'assessore regionale all'Agricoltura, Sara Barresi

PALERMO. Anche nei parchi e nelle zone protette si potranno abbattere i cinghiali. La legge approvata dall'Ars lo scorso 11 agosto, dopo la morte di un uomo attaccato sulle Madonie da un branco di suidi, è in vigore dopo la pubblicazione di ieri in Gazzetta.
Adesso gli enti che gestiscono le aree protette dovranno presentare alla Regione i piani di abbattimento selettivo, relativi cioè alla sola specie in sovrannumero e che crea pericoli.
L'Ente Parco delle Madonie ha già presentato il proprio piano che attende solo il via libera dell' Ispra, l' Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. «L' operazione potrebbe partire a metà settembre» ipotizza l'assessore regionale Sara Barresi.
Il piano presentato da Pizzuto prevede l' utilizzo di personale specializzato per ridurre il numero dei suidi. Saranno schierati guardie venatorie provinciali e forestali autorizzati. «Contiamo di arruolarne all'inizio una sessantina» dice Angelo Pizzuto, alla guida dell' Ente Parco. Anche i proprietari dei terreni avranno l' autorizzazione ad abbattere i suidi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X