Domenica, 01 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Bomba d’acqua tra Cortina e San Vito di Cadore: tre le vittime
MALTEMPO IN VENETO

Bomba d’acqua tra Cortina e San Vito di Cadore: tre le vittime

BELLUNO.  Tre vittime, tra cui una ragazzina quattordicenne: è il primo bilancio di una frana tra San Vito di Cadore e Cortina, nel bellunese. Una massa di terra e fango che si è mossa nella serata di ieri quando nella zona improvvisa si è scatenata una tempesta d'acqua.  La bomba d'acqua causata da un temporale ha provocato rapide, frane e smottamenti. La più imponente, innescata dall' esondazione del torrente Ru Secco, ha fatto tracimare un bacino di contenimento, e travolto alcune automobili a San Vito. Due erano vuote, su una terza si trovava una coppia di giovani coniugi polacchi: lei è stata salvata ma è ferita gravemente, per lui non c'è stato nulla da fare.

Dopo una notte di ricerche anche con l'ausilio di fotoelettriche il corpo è stato ritrovato attorno alle 8 di questa mattina a circa un chilometro a valle da dove era stata salvata la donna. È stato il primo cadavere a riemergere da
quelle onde di melma e massi che poco dopo verso le 9 hanno restituito i corpi di una esile ragazzina, una quattordicenne non del luogo, e un'ora più tardi di un altro uomo.  Il maltempo continua così a presentare il conto al Veneto.
Giusto a un anno di distanza dalla tragedia del Molinetto della Croda a Refrontolo, nel trevigiano, avvenuta il 3 agosto, dove si registrarono quattro vittime, e a poche settimane dal tornado che ha semidistrutto la Riviera del Brenta, una vittima, ora è il Cadore a piangere i suoi morti. «Ancora» il Cadore e ancora nell'area già pesantemente colpita nel 2009 con una frana che
fece due morti il 19 luglio.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X