Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Costretta a prostituirsi anche se incinta: la storia di Diana
SUCCEDE A TORINO

Costretta a prostituirsi anche se incinta: la storia di Diana

TORINO. Costretta a prostituirsi nonostante il pancione. Pur essendo incinta di sette mesi, Diana (nome di fantasia) è una rumena di 20 anni che a Torino frequenta spesso i capannoni dismessi e le vecchie officine, in una zona alle porte della città. Zona ormai dimenticata dal mondo.

Tutte le sere, Diana è lì sul marciapiede. Fino all’alba. Costretta dai suoi "protettori" anche a costo di lividi e minacce.

"Per loro è una miniera d’oro, visto che, proprio grazie al suo stato interessante, li fa guadagnare due o tre volte la tariffa ordinaria. Un’attrazione da sfruttare finché dura, fino a che - spiega suor Eugenia Bonetti, presidente dell’associazione Slaves no more - non sarà in grado di soddisfare le aberranti fantasie: una mamma, poco più che bambina, senza preservativo. Prestazioni non protette che rischiano di infettare con lei e il bimbo che porta in grembo".

Il suo pancione, sembra ormai diventata un'attrazione per i clienti a caccia di un amplesso.

"Di storie come questa ce ne sono tante - commenta suor Eugenia -. Le prostitute schiave a volte lavorano fino a pochi giorni prima del parto, con turni massacranti per soddisfare le numerose richieste. Per alcune di loro, però, la maternità segna un cambiamento: trovano il coraggio di scappare e anche di denunciare. In molti casi sono proprio i bambini a salvare le loro mamme".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X