Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Netturbini malati in massa, il sindaco chiede l’intervento della polizia
CANICATTÌ

Netturbini malati in massa, il sindaco chiede l’intervento della polizia

Dovevano tornare al lavoro dopo due giorni di sciopero. Raccolta in tilt

CANICATTI'. L'intervento della polizia  è stato chiesto dal sindaco di Canicattì Vincenzo Corbo, dopo che questa mattina ad inizio turno 16 dei 57 operatori ecologici della Dedalo Ambiente destinati al cantiere di Canicattì erano assenti per malattia. La quasi totalità del personale assente, dopo due giorni di sciopero, ha saltato il ritorno al lavoro per motivi di salute annunciando la presentazione di certificato medico.

Qualcuno dei "malati" avrebbe indicato come data del possibile rientro il 3 marzo prossimo quando sarà accreditato in banca l'ultimo stipendio. "L'assenza in massa del personale comandato a Canicattì -ha detto Corbo - ci sta creando grossi disagi per riprendere il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Ho chiesto alla polizia e quindi alla magistratura di accertare la fondatezza dell'assenza e di valutare anche la bontà delle certificazioni mediche rilasciate".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X